CAAI

Club Alpino Accademico Italiano
Sabato, 28 Novembre 2020 18:19

Ancora una volta partiamo da Forlì in direzione delle Dolomiti. Come spesso accade siamo già a Longarone e non abbiamo deciso dove andremo a scalare. Simone ed io, un mio ex studente che ho avuto il piacere di conoscere prima in classe e poi di ri-conoscere come scalatore, decidiamo di dirigerci a Santa Fosca in Val Fiorentina, per “raccattare” Fabrizio Grimandi, amico comune con il quale condividiamo allenamenti e sogni durante l’inverno.

DSC01678 001

 

 Ceniamo e chiacchieriamo ma alle 9:30 non abbiamo ancora deciso quale parete salire: unica cosa certa è che andremo a sud, le temperature sono calate bruscamente e a nord sarebbe troppo freddo. Simone ha letto su “PlanetMountain” che sul Pomagagnon delle guide di Cortina hanno aperto una nuova via: 900m, VII+ e roccia ottima: combinazione perfetta! Gli piacerebbe farne la prima ripetizione, e a noi l’idea piace. Ci dirigiamo così ad Ospitale (piccola frazione sopra Cortina) per lasciare una macchina (in quanto la discesa dalla via avviene sul versante opposto del Pomagagnon) e poi ritorniamo a Cortina vicino all’Ospedale. Prepariamo il materiale, piantiamo la tenda e ci mettiamo a letto. La notte passa come sempre troppo in fretta e ci sveglia che ancora vorremmo sognare.  Facciamo una breve colazione, chiudiamo la tenda e ci incamminiamo veloci fino all’attacco della via.

 

 

SDSC01691 001caliamo velocemente i primi facili tiri (dove occorre non sbagliare percorso per non finire su roccia pessima) e arriviamo alle prime lunghezze di corda difficili. Le superiamo agevolmente e, tiro dopo tiro, ci meravigliamo di quanto in questa parete, famosa per la roccia poco bella, tre giovani guide alpine siano riuscite a scovare una bella linea su roccia solida. Il morale è alto e, scherzando e ridendo, continuiamo a salire fino agli ultimi tiri difficili, che superiamo velocemente. Davvero una bella linea e davvero bravi gli apritori. Trovare un percorso con roccia ottima e difficoltà tutto sommato contenute è stata una bella intuizione.

Alle 16:00 circa siamo alla fine della penultima lunghezza, dove c’è il libro di via. Fabrizio e io lasciamo a Simone l’onore di aprirlo. “Simo” lo apre e, con grande stupore, siamo i primi ripetitori: “il sogno di Simo” si è avverato, e tutti noi siamo euforici! Saliamo in cima e in fretta ritorniamo all’Ospitale, perché tra poco si avvererà anche il secondo sogno: una bella pizza con una birra fresca!

 

DSC01695 001

 

DSC01707 001

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DSC01709 001

DSC01714 001

 

IMG 20200720 WA0010 01

Ceniamo, salutiamo Fabri (che per fortuna sua può restare in montagna) e ci dirigiamo di nuovo verso la pianura e la Romagna. Un avanti e indietro che mi accompagna per tutta l’estate: infatti, Francesco Piacenza, mio “fratello di Ancona” mi ha già inviato un messaggio, “prossimi giorni il tempo è bello, andiamo in Dolomiti?”.

Samuele Mazzolini (C.A.A.I.)   http://www.samuelemazzolini.altervista.org/  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  DSC01722 001

 Screenshot 20200720 081515 01

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

20200719 062406 HDR 01

  

Sabato, 21 Novembre 2020 18:08

 

Il punto sull’attualità e le prospettive del Club Alpino Accademico nelle relazioni presentate al Convegno Nazionale di Trento (17 e 18 ottobre 2020)

L’alpinismo di oggi è diverso da quello di qualche decennio fa ed è radicalmente diverso non solo e non tanto per l’evoluzione delle difficoltà, ma per l’approccio mentale. Questa la considerazione di base dalla quale sono partiti i relatori.

Se gli alpinisti, e in particolare gli Accademici, sono sempre stati figli del loro tempo e quindi partecipi in prima persona degli eventi politici e sociali del momento, oggi l’universo verticale sembra aver costruito barriere insormontabili attorno a sé e gli alpinisti paiono vivere in una sorta di realtà separata, nella quale i grandi eventi del mondo compaiono solo nella misura in cui determinano difficoltà o limitazioni all’esercizio di quell’unico bene supremo che è l’esercizio dell’arrampicata sempre e dovunque. E le reazioni alla pandemia attuale ne sono un esempio emblematico. Costi quel che costi il mondo non si può fermare perché noi dobbiamo arrampicare.

Ma anche rimanendo all’interno di questo mondo sospeso, le “regole” sono talmente diverse da renderlo praticamente irriconoscibile. Un tempo alpinismo e arrampicata erano scoperta e avventura, anche perché mancavano alternative, oggi sono essenzialmente prestazione atletica, che assume due valenze: quella dei big, professionisti che grazie all’allenamento intenso e all’uso di mezzi sempre più sofisticati confezionano imprese di livello irraggiungibile e quella della massa un po' amorfa ed adagiata su un alpinismo a bassa prestazione, fortemente protetto e al riparo da qualsiasi soffio di imprevisto e di avventura. Ed entrambe queste valenze, pur agli antipodi per difficoltà ed ingaggio, sembrano accomunate da un artificioso ingigantimento delle reali capacità dei protagonisti grazie ad un uso sistematico di aiuti tecnologici e più l’arrampicata è libera e difficile e più paradossalmente è artificiale.

Un tempo le vie nuove venivano aperte e basta, oggi l’apertura significa poco, la via nuova è quella della prima ripetizione, della libera raggiunta magari dopo mesi e mesi di tentativi. Tutti concetti che derivano da un approccio chiaramente sportivo anche all’alpinismo di montagna. Alcuni valori ne guadagnano, molti si perdono purtroppo per strada, come la spontaneità, l’avventura e il rischio, che erano un tempo valori cardine dell’esperienza alpinistica.

In questo contesto del tutto nuovo e in forte evoluzione, come si colloca il Club Alpino Accademico, da sempre portatore dei grandi valori di un alpinismo tradizionale oggi messi in secondo piano?

AR

Il Convegno sulle pagine di Planet Mountain

depliant retro

depliant fronte

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le relazioni ed il dibattito hanno offerto molti punti di riflessione, che proponiamo con la pubblicazione del testo integrale degli interventi al convegno.

  

MARCO CORDIN un giovane alpinista non accademico

Abstract: è come se non ci fosse comunicazione. I giovani vedono la realtà degli accademici molto lontana

Marco Cordin ph C. BarboliniQuello che posso dire parlando da giovane e sentendo quello che dicono gli amici e anche gente forte, ben addentro al mondo dell’alpinismo, quindi gente che ne sa, è che la figura dell’accademico non è più forse tanto presa in considerazione al giorno d’oggi, e questo secondo me è un peccato. Oggi se un giovane cerca un riconoscimento prestigioso, una cosa ambiziosa, al di là dell’esercizio del lavoro, lo cerca nella patacca di guida alpina. Questa è la situazione al giorno d’oggi e io penso sia un peccato. Anche vedendo l’età media degli accademici è come se ad un certo punto fosse stato bloccato il ricambio generazionale. Anche parlando con gli amici giovani è come se non ci fosse comunicazione tra questa realtà degli accademici che noi vediamo molto lontani, tant’è che non sappiamo neanche bene come si entra nel mondo degli accademici e come funziona. E’ come se il CAI non stuzzicasse l’interesse dei giovani, ma non è che il CAI debba sforzarsi a stuzzicare l’interesse dei giovani, dovrebbe però fare una proposta costruttiva di apertura verso i giovani. Secondo me non c’è stata più comunicazione tra queste due realtà che ormai sono lontane.

 ALESSANDRO GOGNA Moderatore 

Alessandro Gogna ph C. Barbolini 1

 

 

 

 

 

 

Dobbiamo prendere nota che non è stato formulato alcun consiglio su come risolvere questa mancanza di comunicazione sulla quale effettivamente siamo tutti d’accordo. E’ vero che non c’è, si è rotto qualcosa o non c’è mai stato, non so

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GIACOMO STEFANI Past President

Abstract: Credo che l’Accademico sia sempre stato protagonista del suo tempo, non è mai stato avulso, gli alpinisti accademici hanno sempre vissuto in modo prepotente il loro tempo

Giacomo Stefani ph C. Barbolini 1Quando ho incontrato ad Arco Giuliano Bressan e mi ha chiesto di raccontare la mia esperienza e in sostanza la storia dell’Accademico mi sono sentito lusingato ma ho capito subito che non era facile fare una nota e mettere assieme tutte queste cose. Poi mi sono ricordato di quando ero al liceo e si diceva che il dubbio è l’inizio della conoscenza e ho pensato che da lì potesse partire in qualche modo la mia storia dell’Accademico. Ho pensato che si potesse parlare degli alpinisti perché sono gli alpinisti che fanno la storia e quindi ho pensato di rivedere un po' gli alpinisti accademici che ho conosciuto a volte di persona oppure perché ho salito le loro vie, le loro pareti. Andrich, Gervasutti “il fortissimo”, Carlesso, Boccalatte, Bonatti Accademico e Guida - ma ormai sembra che questa differenza giustamente non ci sia più - un idolo per noi lecchesi che abbiamo avuto la fortuna di conoscerlo quando lui stava già smettendo e noi stavamo cominciando la nostra attività. E poi il suo compagno Oggioni, Aste che voi conoscete bene perché è di questi luoghi. Ho pensato a volte che potremmo raccontare la storia guardando le montagne, ovunque andiamo vediamo una cima e pensiamo “là ci sono stati degli Accademici”. Guardiamo ad esempio la grande parete Nord Ovest del Civetta, potrebbe da sola farci la storia dell’Accademico: abbiamo Carlesso, Tissi al Pan di Zucchero, Aste, Andrich, quelli che hanno fatto l’invernale al diedro Philipp, anche recentemente Baù, oppure Comici o se ci spostiamo più a destra abbiamo la Cima Su Alto con Piussi e i lecchesi, Ratti e Vitali. Questa montagna da sola ci può raccontare la storia dell’Accademico e quando io, come tanti altri, ho iniziato ad andare in montagna avevo in mente proprio di andare a fare queste vie, queste montagne, magari in modo un po' irriverente, ma l’idea era sicuramente di andare a fare le vie di questi alpinisti. Credo che l’Accademico sia sempre stato protagonista nel suo tempo, non è mai stato avulso, gli alpinisti accademici hanno vissuto in modo prepotente il loro tempo.

E questo fin dall’inizio. Se sfogliamo il primo Annuario CAAI del 1908, riedito in copia anastatica in occasione del centenario della sua pubblicazione, ci rendiamo conto che questi alpinisti avevano l’idea già di insegnare e mettevano quindi le basi di quelle che sarebbero state poi le scuole di alpinismo. Nella prima pagina del volume si affronta il tema identitario e si parla delle guide: “ci inchiniamo volentieri ad esse ogni qualvolta le crediamo degne ma non vogliamo ostracismi e comunque simo diversi”. Direi che al di là di queste frasi di cortesia, i nostri predecessori erano tutti avvocati, ingegneri, laureati e probabilmente non sopportavano l’idea che delle persone brave ma spesso rozze potessero avere una qualche supremazia nell’andare in montagna e si sono in qualche modo organizzati per contrapporsi a questa situazione. All’inizio i nostri predecessori erano soprattutto anche scrittori, quindi pubblicavano guide, Berti è stato uno dei primi ad entrare nell’Accademico al momento della fondazione, quindi all’epoca l’alpinismo non era forse così estremo ma c’era certamente molta cultura dietro all’Accademico. Tra le due guerre invece la parte alpinistica di difficoltà assume un aspetto più importante, spinta anche dal fascismo che era parte integrante della vita di molti e per praticare l’alpinismo ad un certo livello bisognava comunque avere l’imprimatur del fascio. Ne sanno qualcosa i nostri concittadini che hanno fatto il Badile e che hanno ricevuto un telegramma di congratulazioni dall’allora segretario del partito fascista Starace e hanno ricevuto l’invito a presentarsi a Roma in presenza del duce con “pantaloni alla zuava, giubbetto, camicia e cravatta nera, scarpe da passeggio, capo scoperto” per ritirare una medaglia e la cosa si è ripetuta poi l’anno dopo con le Jorasses. Due telegrammi anche da parte dell’allora presidente dell’Accademico Aldo Bonacossa che si congratulava e soprattutto diceva “non potevi dare risposta più clamorosa all’Eiger”. C’era ovviamente allora questo nazionalismo spinto che portava le persone a contrapporsi. Però l’Accademico è anche diverso, ci sono state persone come Ratti, che era compagno di Cassin e probabilmente non era inferiore a Cassin e quindi ha fatto anche delle belle salite da solo, che poi è entrato nella resistenza e il 26 aprile è morto da partigiano nella liberazione di Lecco.

Il dopoguerra porta rinascita e speranze e leggendo i nomi di coloro che sono entrati all’Accademico in questo periodo, fino agli anni ’60-65’ troviamo tante persone, e alcune le abbiamo conosciute personalmente, che hanno lasciato un’impronta: noi leggiamo un nome e sappiamo ciò che quella persona ha fatto. In realtà era una rinascita dell’Italia e dell’alpinismo. C’erano meno avvocati ma più lavoratori con la loro voglia di ritornare a fare qualche cosa dopo la guerra.

Si comincia con l’alpinismo extraeuropeo perché allora tutte le grandi nazioni dovevano conquistare una cima e l’Italia raggiunge il K2 con capospedizione Ardito Desio, che era un Accademico, e con diversi componenti accademici, tra i quali anche Bonatti che come dice la storia certamente non ha demeritato.

Oppure il G4 nel ’58, spedizione guidata da Cassin e con Mauri e Bonatti in cima.

DSC 1957Dicevo che l’Accademico non è fuori dal mondo. Quando comincia il ’68 comincia il ’68 anche nell’alpinismo con il nuovo mattino e c’è una contestazione della degenerazione dell’alpinismo eroico e un tentativo di fondare un nuovo umanesimo della montagna. Il simbolismo della cima sparisce e l’ascensione non è più un mezzo per raggiungere la vetta e quindi cambia molto quella che è la percezione dell’alpinismo. Vengono poi gli anni di piombo e anche qui gli accademici non si tirano indietro, Guido Rossa era un anticipatore della rivoluzione culturale che poi sarà portata avanti da Motti ma era anche una persona, un sindacalista che ha avuto un impegno civile e morale senza tentennamenti ed è stato ucciso come sindacalista dalle brigate rosse il 24 gennaio del ‘79. Nel 2013 sono stati festeggiati i 150 anni del Club Alpino Italiano e siamo stati invitati a Roma al Quirinale dall’allora Presidente Napolitano e mi hanno chiesto di fare una relazione di due minuti e io ho raccontato solo questi due episodi Ratti e Guido Rossa per far capire come l’Accademico non è solo fatto di forti alpinisti ma anche di persone che sanno vivere il loro tempo e se ne prendono la responsabilità. Però con il passare del tempo il CAI diventa un enorme contenitore di attività di montagna e l’alpinismo ne occupa una parte sempre minore e questo lo vediamo sfogliando la Rivista Montagne 360 e ce ne accorgiamo tutti i giorni. Fortunatamente, e questo devo dire che durante la mia presidenza ho potuto constatarlo, al CAAI viene riconosciuto, dalla dirigenza del CAI, di essere un po' l’anima storica dell’alpinismo e quindi ogniqualvolta c’era una qualche manifestazione venivamo comunque interpellati. Cito ad esempio il libro che è stato fatto per le 150 vette, la manifestazione credo più importante per i 150 anni del CAI, ed è stato l’Accademico che si è preso il compito di organizzarla, di affidare alle singole Sezioni la possibilità di scalare delle cime e alla fine di farne un libro. E questo credo che sia alla fine un segno di fiducia che il CAI ha nell’Accademico. Saper fare, e quindi saper scalare, è sempre stata la nostra capacità. Quello che invece non siamo mai stati capaci di fare è "far sapere" e quindi quello che dobbiamo sforzarci di fare è proprio "far sapere".

Lo facciamo con i nostri Convegni annuali, ai quali poi si sono aggiunti incontri con altre associazioni di montagna, con le Guide nella cui presidenza abbiamo trovato grande disponibilità, e con la Commissione Nazionale Scuole di Alpinismo e anche con associazioni che in qualche modo promuovevano delle attività culturali, come ad esempio il Premio Carlo Mauri e naturalmente credo che un ringraziamento particolare vada a Mauro Penasa che da tantissimi anni cura l’uscita dell’Annuario CAAI che è il nostro simbolo che tutti ci invidiano. Importante anche il sito web, che è stato cambiato diverse volte, che non ha ovviamente, e non potrebbe avere, la plasticità di un sito come Planet Mountain, ma è importante per dare informazioni e tenerci aggiornati.

Naturalmente non ci sono solo rose, ci sono anche le spine. Nel 2008 c’è stato un gruppo di alpinisti che ha fondato una associazione chiamata GAISA Gruppo Accademico Italiano Sciatori Alpinisti e quindi come sciatori volevano diventare Accademici . C’è stata una contesa che alla fine ci ha visti vincitori con una delibera del CAI nella quale si affermava che il termine Accademico poteva essere riferito soltanto al nostro gruppo. E questo secondo me è importante perché ci è stato ulteriormente riconosciuto quello che abbiamo fatto. Ma il tempo cambia è c’è poi il tema dell’ecologia, la difesa della montagna e la nascita di Mountain Wilderness a Biella 33 anni fa avviene in un Convegno promosso dal Club Alpino Accademico Italiano e da altre associazioni ovviamente ma in primis il CAAI e la Fondazione Sella. Ma anche la difesa della libertà in montagna è una cosa importante: L’Osservatorio, che è gestito in modo prevalente da Alessandro, e molto bene, ma nel quale l’Accademico ha dato il suo contributo. E il Clean Climbing: vogliamo un ambiente pulito? Ecco che il trad, il clean climbing è il modo migliore e l’Accademico sta cercando di portarlo avanti nel modo più possibile efficace. I filosofi greci, padri della cultura Occidentale, dicevano che non vi è nulla di immutabile tranne l’esigenza di cambiare. E questa esigenza di cambiare l’abbiamo vista anche noi quando si è trattato di cambiare lo statuto del CAAI, Art 19 comma C che ci dice oggi che il socio accademico che diventa guida può rimanere a tutti gli effetti socio purchè lo richieda espressamente. E’una cosa che ha fatto soffrire molte persone, che ha in parte diviso l’Accademico, ci sono state dimissioni. Io l’ho vissuta da presidente due volte nel 2011 quando la proposta era stata bocciata per due voti e uno era il mio e l’altro quello del mio compagno di cordata Sergio Panzeri, che veramente non volevamo una cosa del genere. Tre anni dopo è passata con pochi voti, perché chiaramente con gli anni cambiano le cose, cambiano le persone, cambiamo noi e come ho detto prima non c’è nulla di immutabile salvo la necessità proprio di cambiare.

L’ultima nota è per una persona che conoscevo ovviamente di fama ma che ho avuto modo di conoscere personalmente quando ero presidente e con la quale ho mantenuto una continua frequentazione letteraria, è stata una persona di una grandezza che faccio fatica ad immaginarne un’altra uguale. Mi ha fatto capire molte cose, una persona limpida e voglio proprio concludere con quello che lui mi scriveva, riportato da Dante. Dante si riferiva all’amore per Beatrice mentre lui si riferiva all’amore per la montagna: “Intender non può chi non lo prova”.

 

RAMPINI ALBERTO presidente generale

Abstract: credo che il socio Accademico debba avere, anche per immagine e bagaglio culturale, un’esperienza molto ampia di zone, gruppi montuosi e, perché no, di alpinismo extraeuropeo. Inoltre qualità morali indiscusse e profilo culturale di adeguato spessore debbono tornare ad essere elementi fondamentali nello skill del candidato accademico

Alberto Rampini ph D. Caltabiano 1Come tutti voi ben sapete, l’Accademico nasce nel 1904 con la finalità di avviare scuole di alpinismo che rendessero autonomi gli alpinisti che volevano salire le montagne in autonomia, senza avvalersi dell’accompagnamento di guide. Per fare questo, l’Accademico radunò attorno a sé come soci i migliori alpinisti non professionisti dell’epoca.

La finalità prima, quindi, era la mission, fare scuola, e l’elevato profilo tecnico e culturale dei soci era funzionale a questo obiettivo, non era fine a sé stesso.

Addirittura all’inizio non si parlava di curriculum dei soci, poi si cominciò a richiederlo, infine il curriculum divenne determinante nel momento in cui il CAAI, assieme al CAI, divenne negli anni 30 una associazione di regime aderente al CONI e acquisì un profilo decisamente orientato verso lo sport arrampicata e alpinismo.

Ma assieme al curriculum tecnico eccezionale il socio doveva dare garanzia di qualità morali e culturali pure di eccellenza.

Nelle modifiche successive del nostro Statuto il curriculum tecnico acquisisce sempre maggior rilievo mentre i requisiti di moralità a cultura vengono progressivamente ridimensionati.

Anche la finalità originaria del CAAI – fare scuola – viene meno nel momento in cui nascono le Scuole di Alpinismo del CAI e la relativa Commissione Nazionale Scuole. Esse nascono negli anni cinquanta su iniziativa di soci del CAAI e i dirigenti e gli istruttori sono in buona parte Accademici, ma la funzione “scuola” esce dalle attività istituzionali del CAAI.

Nello Statuto del CAAI rimane la finalità generica di promozione dell’Alpinismo e la qualità dei soci si basa principalmente su un curriculum tecnico e in via accessoria su attività di carattere culturale, esplorativo e organizzativo. Nella pratica invalsa, tuttavia, il focus è esclusivamente sull’aspetto tecnico del curriculum.

DSC03885

Ma vediamo questi due aspetti, Curriculum tecnico e profilo etico/morale/culturale.

Curriculum tecnico

In base al Regolamento CAAI si richiede che l’Accademico abbia svolto attività alpinistica di particolare rilievo per almeno cinque anni e il Regolamento della Commissione Tecnica precisa che " L’attività alpinistica di particolare rilievo, alla quale è fatto riferimento in tale articolo, deve essere stata compiuta da capo-cordata o a comando alternato, e deve corrispondere a una delle seguenti alternative:

  1. numerose salite su ogni tipo di terreno con difficoltà di ordine superiore anche se non estreme;
  2. numerose salite su roccia con difficoltà estreme;
  3. numerose salite con difficoltà di poco inferiori a quelle di cui ai punti 1 e 2, purchè integrate dalle attività non meramente alpinistiche previste all’ultimo paragrafo dell’art. 4 del Regolamento del C.A.A.I.

Appare chiaro che Attività alpinistica di particolare rilievo, salite di difficoltà estreme, salite con difficoltà di ordine superiore anche se non estreme, anche se devono essere riferite al periodo storico in cui le salite sono state compiute, sono concetti piuttosto vaghi e difficili da standardizzare. Tant’è vero che diversi tentativi di materializzare questi concetti in un “metodo” scientifico di valutazione hanno manifestato la loro inadeguatezza (metodo Manera, Metodo Scalet) e così anche i tentativi più pragmatici di individuare tipologie di salite di riferimento non hanno riscosso condivisione pacifica.

Il criterio pragmaticamente adottato è quello di considerare estreme le salite che rappresentano il top della difficoltà raggiunta dall’alpinismo nel periodo storico di riferimento. Questo concetto ha funzionato egregiamente per anni ma ha manifestato tutta la sua inadeguatezza sicuramente da oltre un decennio a questa parte, da quando cioè il livello dell’alpinismo è stato alzato in modo eclatante sotto la spinta della prestazione sportiva, diventando uno sport estremo. E questo sport estremo, a questi livelli, è oggi appannaggio esclusivo di una ristrettissima elite di atleti sostanzialmente professionisti.

E’ di tutta evidenza che la figura del socio accademico non può identificarsi in questa categoria di atleti e il CAAI non può essere portavoce di questa tipologia di alpinismo sportivo estremo. O perlomeno solo di questo. Ci fa molto piacere che alpinisti estremi condividano anche idealità dell’Accademico e ne facciano parte ma dobbiamo renderci conto che il CAAI non può rappresentare solo questa categoria di alpinisti, che è avanguardia della difficoltà ma chiaramente non rappresentativa del mondo alpinistico diffuso, compreso quello di difficoltà estrema alla portata dell’alpinista non professionista. E qui affrontiamo un altro tema rilevante, quello del professionismo. L’Accademico è per sua natura e statuto associazione di alpinisti per diporto, generalmente del tempo libero, non professionisti. E di questo occorre tener conto nel dare un significato concreto ai termini di cui dicevo prima: Attività alpinistica di particolare rilievo, salite di difficoltà estreme, salite con difficoltà di ordine superiore anche se non estreme.

In altre parole, secondo me, l’alpinista accademico “tipo” deve tornare ad essere non l’alpinista più forte in assoluto ma l’alpinista che presenta un curriculum di vie estreme per il periodo storico e per un non professionista, cioè una persona normale, che magari lavora, magari ha una famiglia, magari è anche impegnato nel CAI.

Ma non pensiate che con questo io intenda abbassare l’asticella di ammissione. Anzi!

Secondo me ad un parziale ridimensionamento del curriculum tecnico (non solo atleti fuoriclasse professionisti ma anche alpinisti estremi davvero anche se non atleti professionisti) si dovrebbe accompagnare una valutazione di più ampio respiro del curriculum stesso e un apprezzamento obbligatorio di attività veramente accademica, di avventura e di esplorazione. Oltre a requisiti culturali di cui parlerò dopo.

Torniamo al curriculum. Il curriculum deve essere ovviamente di qualità, le vie lunghe, difficili e di avventura, vie che un alpinista pur bravo in genere non affronta, e deve offrire l’immagine di una persona preparata tecnicamente, ma anche curiosa, amante della montagna e dell’avventura, dell’esplorazione di posti nuovi, che si mette in gioco su terreni diversi. Secondo me per valorizzare una significatività e rappresentatività della figura dell’accademico uno sbarramento necessario è quindi quello delle vie nuove: un Accademico non può non aver aperto vie nuove, la differenza tra un protagonista e un ripetitore è fondamentale e l’Accademico deve essere protagonista e indicare una strada, anche su come e dove si apre una via. E questo rimane nella storia dell’alpinismo.

Inoltre credo che l’Accademico debba avere anche per immagine e bagaglio culturale un’esperienza molto ampia di zone, gruppi montuosi e, perché no, di alpinismo extraeuropeo.

Non sostengo questo solo per un fatto di affezione, perché il mio curriculum personale rientra in questa categoria (e avrei quindi potuto essere presentato anche in un altro Gruppo), ma perché sono fermamente convinto che un curriculum anche estremo ma non diversificato è più proprio di uno sportivo che di un Accademico.

Guardando alla mia esperienza personale, sono contento di avere svolto un’attività completa. Sono entrato nel Gruppo Orientale ma avrei allo stesso modo potuto entrare nel Gruppo Occidentale.

Questo per quel che riguarda il curriculum.
Ma, come dicevo, l'impegnativo curriculum sopra delineato non deve essere l'unico elemento preso in considerazione. Se questo curriculum vale a qualificare la statura tecnica della persona, per qualificare la figura del socio accademico devono esserci ulteriori elementi. Profilo etico e profilo culturale.
Profilo etico
Non possiamo fare un processo alle intenzioni ma possiamo analizzare il curriculum e i comportamenti per capire se il candidato si è mosso e si muove in sintonia con i principi della nostra associazione. E lo possiamo dedurre dal carattere del curriculum, dal carattere in particolare delle vie aperte, dall'attività divulgativa e operativa nei vari ambiti in cui la persona ha operato e opera. La coerenza del socio accademico con i principi dell'associazione non può essere solo teorica ma deve guidare i comportamenti concreti. L'Accademico deve essere un esempio di comportamento corretto e coerente.

Profilo culturale
Siamo tutti convinti, credo e spero, che L'Accademico sarebbe ben poca cosa se si risolvesse in un semplice titolo onorifico. L'Accademico come associazione e quindi i singoli soci accademici sono investiti di una mission, che potremmo sintetizzare così: promuovere, o forse oggi sarebbe meglio dire tutelare, una forma di alpinismo d'avventura, creativo, poco invasivo, rispettoso della storia, dell'ambiente e basato sulle capacità dei singoli.
Per promuovere questi ideali i soci devono avere un adeguato profilo culturale e di iniziativa e questo si può ricavare dall'esame di quello che un candidato ha fatto (oltre le scalate): pubblicazioni, articoli, conferenze, partecipazione al dibattito sull' alpinismo, impegno didattico orientato ai principi del CAAI ecc ecc.


Il curriculum assicura il livello tecnico, il profilo culturale assicura le basi per poter contribuire alla mission dell'Accademico.
Perché facciamo parte del CAAI e siamo orgogliosi di farne parte? Per soddisfare la nostra ambizione? Forse anche, ma soprattutto per contribuire assieme agli altri soci a promuovere un alpinismo che ci piace e nel quale crediamo.

Ecco quindi che qualità morali indiscusse e profilo culturale di adeguato spessore debbono tornare ad essere elementi fondamentali nello skill del candidato accademico.

Quindi, concludendo in estrema sintesi:
A . Curriculum Alpinistico tradizionale di eccellenza, vario, su tutti i terreni e completo di spedizioni e vie nuove.
B. Profilo culturale elevato, comportamento alpinisticamente coerente

Ultimo punto al quale voglio fare cenno è quello relativo alla necessità di individuare canali di comunicazione e spunti per catalizzare l’interesse dei giovani. Credo che il CAAI in modo particolare, ma anche l’alpinismo più in generale, non possa e non debba diventare un’attività di massa, per cui, diversamente da tante altre Sezioni del CAI e dal CAI stesso, a noi non interessa aumentare il numero dei soci ma piuttosto tenerne alta la qualità e favorire l’ingresso di alpinisti giovani. Questo è veramente uno degli obiettivi fondamentali che dobbiamo perseguire per il rinnovamento del corpo sociale. E i dati che vi ho illustrato prima credo non necessitino di ulteriori commenti. Ma di queste problematiche parleranno poi nel loro intervento Samuele e Francesco.

MAURIZIO GIORDANI Accademico e Guida Alpina

Abstract: ritengo che l’alpinismo si sia spostato da un alpinismo di avventura (e tutti facevano quello perché c’era solo quello) ad un alpinismo sportivo, nel quale alcuni propongono grandi salite e la maggior parte delle persone scala, e scalano molte più persone di prima, ma su cose più normali, chiamiamole così. E’vero che si fanno delle cose eccezionali ma si riescono a fare solo perché c’è una montagna di tempo, di disponibilità, di materiali, di allenamento e questo è un po' falsato rispetto alle reali capacità di un arrampicatore, viene tutto ingigantito

Maurizio Giordani ph A. Rampini 1Il tema che cercherò di sviluppare sicuramente non è semplice, perché l’alpinismo come è oggi lo vediamo ma dove andrà l’alpinismo nel futuro è davvero difficile da immaginare. Partiamo da un dato: guardandoci intorno oggi qui in sala sorge spontanea una domanda: i giovani dove sono? I giovani dell’Accademico ci sono stati e ci sono, io sono entrato a 25 anni così con tanti dei miei amici con i quali scalavo in quel periodo, allora si entrava a 25/30 anni e anche prima però poi magari molte di queste persone si disperdevano o non partecipavano alla vita sociale cosa che è importante. Questo permette anche di fare delle domande: cosa sta succedendo? Ci sono meno persone che arrampicano? Che fanno alpinismo? Non credo. Prima di venire qui ero questa mattina ad arrampicare in Valle del Sarca e quando sono in parete mi guardo intorno e devo essere sincero e dire che sulle pareti della Valle del Sarca c’erano decine e decine di cordate, cosa che sicuramente non capitava 20 o 30 anni fa quando sicuramente non c’era tanta gente che scalava. E quindi ci domandiamo: che tipo di alpinismo stanno facendo queste persone, questa quantità di persone che sta attaccata alla roccia? E’ anche abbastanza semplice dare una risposta. Se andate in Valle del Sarca e guardate vi rendete conto: ci sono pareti alte anche mille metri ma il 90/95% delle cordate le trovate nei primi 200 metri. Se poi con il binocolo alzate gli occhi verso l’alto e cercate qualcuno nella parte alta delle pareti è difficilissimo trovare qualcuno. Questo è un segnale che il mondo è cambiato ed è andato verso la direzione di comodità, di accesso facile, di togliersi le problematiche che ti potrebbero creare delle cose inaspettate: restiamo comodi, restiamo vicino a casa, restiamo sulle vie che conosciamo, dove tutto diventa più facile. Questa convinzione di come stanno andando le cose mi è stata un po' confermata da spunti venuti da analisi fatte anche in altri campi dell’attività umana: ci sono stati nella storia periodi in cui è venuto meno l’entusiasmo, ci sono stati invece periodi di grande crescita culturale ed economica, nei quali le persone gareggiavano a portare entusiasmo e a diffonderlo e quindi c’erano grandi cambiamenti in atto, veloci, che hanno portato l’evoluzione e il cambiamento. Si può pensare positivo o negativo, comunque qualcosa di importante è cambiato. Negli anni del boom economico sappiamo tutti cosa è successo nel nostro Paese, tutto diventava più florido, più facile, più interessante. Ci sono stati di contro altri periodi nei quali tutto si è smorzato. Io questo smorzamento lo vedo anche oggi nella nostra società. Non c’è più la rincorsa a migliorarsi in maniera importante, tutto è diventato un po' più rilassato, un po' più monotono, chiamiamolo “normale “ se vogliamo. E nell’alpinismo mi sembra sia successo più o meno la stessa cosa: è cambiata la qualità di quello che si fa. Naturalmente mi rifaccio alla mia esperienza personale, a come scalavo qualche anno fa o negli anni ’80: si ricercava l’avventura, la via nuova, cose un po' particolari.

Volevo prendere spunto da un libro che sicuramente qualcuno ricorderà “Sentieri verticali” un libro del 1987 che dava un quadro molto preciso di quello che stava succedendo e di quello che era successo in alpinismo fino a quel momento. Rileggendo recentemente alcuni capitoli, mi è venuto da pensare che cosa succedeva su alcune grandi pareti delle Dolomiti come Civetta o Marmolada, e parlo solo di queste perché sono casa mia e le conosco meglio. Con mezzi molto limitati, pochi chiodi, si superavano pareti selvagge affrontando difficoltà certamente non pari a quelle di oggi ma sicuramente da non sottovalutare, anzi.

Che cosa è successo oggi? Secondo me ci si è un po' allontanati da questo modo di scalare, la spinta verso l’approccio sportivo all’arrampicata ha ovviamente costretto l’arrampicatore a rivedere i mezzi di protezione perché salire una via di ottavo grado con quattro chiodi come si faceva sul sesto è ovviamente difficile quindi ci si protegge maggiormente per cercare di elevare la potenzialità fisica dell’arrampicata sportiva. Questo è successo e sta succedendo sempre di più. Il problema che io vedo nella diffusione di questo modo di fare è che elevare sempre di più la potenzialità fisica dell’arrampicata o si è professionisti  e si fa solo quello oppure bisogna essere dei superdotati ma siccome tutti noi abbiamo due mani e due gambe i limiti dell’arrampicatore normale sono reali. Questa corsa all’irrealtà è un po' il problema di oggi: ci vogliamo proporre come dei supermen, dei supereroi dell’arrampicata, cosa che non possiamo essere, per varie ragioni.

IMG 20201018 WA0004

Sarebbe molto più semplice fare qualche passo indietro verso la realtà di quello che possiamo fare e accontentarcene perché volere sempre di più, rincorrere verso l’alto la scala delle difficoltà comunque sia ci allontana da quelle che sono le nostre reali potenzialità. Leggevo su internet che per salire la via Quo Vadis al Sass dla Crusc Nicola Tondini, uno degli scalatori più eccezionali che ci sono, per riuscire a liberarla ha fatto 29 voli provando e riprovando finchè alla fine è riuscito nell’impresa. Io, col mio modo di pensare, se penso a 29 cadute penso che avrei dovuto morire 29 volte mentre facevo quel tentativo perché non ero all’altezza di passare senza la caduta e quindi ho avuto bisogno di un grande aiuto psicologico, fisico, di materiale per riuscire a proporre quel grandissimo exploit che è salire un nono grado su una parete delle Dolomiti. E questo mi fa pensare che effettivamente potrei non esserne stato all’altezza anche se poi alla fine a forza di tentativi a forza di provare e riprovare sono riuscito nell’intento. Però il mio intento l’ho portato a termine in che modo? Eticamente parlando in un modo che mi piace o in un modo che non mi piace? Personalmente sono convinto che questo modo non mi sarebbe piaciuto. Io sono sempre stato un ricercatore dell’incognita, dell’avventura, se una cosa riesco a catturarla al volo provando le varie emozioni di incognita appunto senza preparare a fondo quello che sto facendo mi dà un’enorme soddisfazione. Ma il lato sportivo è diverso. Noi allora scalavamo in quel modo nei nostri anni, non ci sarebbe mai venuto in mente di tornare sulla Via dell’Irreale o su Fantasia per cercare di liberarla: la via è nata così e così mi aveva dato soddisfazione. Il problema è che nessuno è più tornato a cercare di salire su queste vie quindi ci siamo allontanati effettivamente dall’alpinismo. Nella conclusione del libro di Sandro “Sentieri verticali” leggevo “…è ancora troppo presto per giudicare…” (parlava di alcune vie che avevo aperto in Marmolada) sono passati 35 anni e queste vie non sono ancora state ripetute quindi vuol dire che se era presto trentacinque anni fa oggi dove siamo finiti? Cosa abbiamo davanti? Ci siamo allontanati dalla possibilità di andare a toccare con mano quello che si faceva 30/40 anni fa. E ci siamo allontanati per una semplice ragione: perché ci siamo abituati alla comodità, alla comodità di approccio, alla comodità di protezione, alla diminuzione di rischio… non la sto vedendo come una cosa negativa, intendiamoci, è solo una valutazione di quello che succede. Questa incapacità, che riguarda anche me, perché anch’io scalo così oggi perché a sessant’anni non ho forse più la voglia di andare a fare quello che facevo a venti e quindi scalo in maniera diversa, vado un po' più prudente forse, però quello che facevo negli anni ottanta non era una situazione di rischio, mi sentivo sicuro a scalare in quel modo, con poche protezioni, cercando di limitare l’uso del materiale il più possibile, perché non ho mai azzardato in quello che facevo, ho sempre cercato di arrampicare in maniera molto sicura. Quello che facevo era semplicemente avvicinare IL MIO GRADO DI SCALATA REALE al grado che poi riuscivo a fare realmente in parete, senza esagerare.

Oggi devo dire che gli itinerari più importanti, ad esempio in Dolomiti, sono diventati praticamente irraggiungibili e le vie più famose, quelle che si trovano nei libri di storia, sempre meno persone sono disposte, non capaci, perchè non sto mettendo in discussione la capacità di chi scala al giorno d’oggi, anzi abbiamo visto che in casi eccezionali personaggi come Matteo della Bordella, come Nicola Tondini e tanti altri fanno delle cose eccezionali. Quindi le cose eccezionali si fanno anche oggi, quello che oggi ci ha allontanati un po' è il riuscire a riproporre un modo di scalare avventuroso e questo allontana un po' la massa dalle grandi salite che alla fine sono state e sono quasi dimenticate.

Ma vorrei sentire su questo il parere di Alessandro Gogna, visto che proprio dal suo libro ho tratto ispirazione per avviare il mio discorso. Cosa ne pensi di quello che succede? Ad esempio quest’anno ho telefonato a Dante Del Bon al Rifugio Falier in Marmolada e gli ho chiesto: ”mi sai dare un’idea di quante cordate nel 2020 sono arrivate in cima alla Marmolada?” Mi sembrava questa una cosa curiosa da sapere. Allora vi posso garantire che nel 2020 sono arrivate in cima alla Marmolada per la Parete Sud meno cordate che in un sabato di bel tempo del 1985. Tu Alessandro cosa ne pensi di questa situazione? La stessa domanda la posso fare a Marco Cordin, che è un forte arrampicatore e giovane e quindi con lo stesso entusiasmo che avevamo noi allora. Perché se più nessuno va a scalare su un certo tipo di vie, quale è il motivo? Ho citato la Marmolada, ma lo stesso vale per il Sassolungo e per tante altre grandi pareti, ma se vai al Falzarego fai fatica a trovare vie libere, praticamente devi fare la coda mentre se vai in Marmolada il Rifugio è praticamente vuoto e le cordate non ci sono.

Risponde Marco Cordin: "sono praticamente d’accordo con te, oggi c’è più spinta verso la comunità. Ti faccio un esempio: quando recentemente siamo andati a fare la Via del Pesce nella parte alta della parete non c’era praticamente nessuno, la maggior parte delle cordate arriva fino alla cengia e poi scende e allo stesso modo ad esempio si vanno a cercare quelle vie sullo Specchio, vie di difficoltà più elevate ed effettivamente è più comodo fare la metà più difficile della via e poi scendere piuttosto che farla tutta e portarsi dietro il materiale per scendere dal ghiacciaio eccetera".

Ma tu, dal tuo punto di vista di giovane, vedi anche tu che c’è stato un allontanamento  da un certo tipo di alpinismo che si faceva anni fa o secondo te comunque c’è un interesse che viene mantenuto verso un certo tipo di scalate e di alpinismo?

Risponde Marco Cordin: “Io sono convinto che sia molto cambiato, soprattutto verso l’avventura ma vista sul lato dell’alta difficoltà. Se a uno che inizia a scalare gli racconti di queste vie, la prima cosa che ti chiede è “Ma che grado è?” piuttosto che chiederti quanti giorni siete stati su o come è stata l’avventura. Si cerca soprattutto il gesto tecnico e atletico sull’alta difficolta piuttosto che l’avventura”.

Sì, è vero, ma questo è riservato a pochissimi big, per cui possiamo affermare che esistono dei picchi di capacità che escono dalla normalità per cui ci sono personaggi che propongono grandi ascensioni prevalentemente sportive e dall’altra parte c’è una massa che si è un po' adagiata su ascensioni meno impegnative, meno scomode, meno rischiose e un po' più facili da portare a casa. Più divertenti magari e il termine plaisir nasce proprio da questo.

In conclusione quindi ritengo che l’alpinismo si sia spostato da un alpinismo di avventura (e tutti facevano quello perché c’era solo quello) ad un alpinismo sportivo, nel quale alcuni propongono grandi salite e la maggior parte delle persone scala, e scalano molte più persone di prima, ma su cose più normali, chiamiamole così.

Moderatore: dagli interventi di Giordani e Cordin emerge chiaramente come sia cambiato il senso dell’avventura. Se è vero che Tondini, che stimo molto come alpinista e come persona, si permette di volare 29 volte su un tiro in montagna e sopravvive mentre Giordani, come ci ha detto, ai sui tempi in quella situazione sarebbe morto 29 volte, è evidente che qualcosa è cambiato, anzi molto è cambiato. L’avventura è diversa e questo diverso è dato sicuramente dal discorso sportivo e dal fatto che si siano delle protezioni che ti permettono di fare questi 29 voli.

Giordani: questo mi porta a pensare che l’arrampicata di oggi, pur nella crescita esponenziale delle difficoltà che si riescono a fare, è molto più artificiale di quella che faceva Comici sulla Civetta con sei chiodi attaccati all’imbrago. Mi viene da pensare che è vero che si fanno delle cose eccezionali ma si riescono a fare solo perché c’è una montagna di tempo, di disponibilità, di materiali, di allenamento e questo è un po' falsato rispetto alle reali capacità di un arrampicatore, viene tutto ingigantito.

Moderatore: sono anche tante le regole del gioco che stanno cambiando: quando un Comici, un Cassin, un Giordani, chi volete, quando arrivavano in cima a una via, la via era fatta. Adesso no, non è più così, c’è chi arriva in cima e non lo dice neanche, aspetta un mese, due mesi, sei mesi, quel che serve, fino a quando riuscirà a percorrerla in libera. Solo allora si parla di prima ascensione.

Giordani: in effetti oggi spesso non si conosce come è stata aperta una via mentre la storia dell’alpinismo ha sempre insegnato che il valore di una salita era dato dal come veniva aperta. E’vero, è già da qualche anno che la prima ascensione viene nascosta e viene proposta la prima ripetizione, mai la prima ascensione.

Moderatore: questo la dice lunga sul discorso sportivo, che ha preso il sopravvento. La via è aperta quando viene ripetuta in libera, prima non è niente, sei solo passato di lì, ma la via non esiste. Un tempo questo era alpinisticamente valido, adesso “l’alpinisticamente valido” è stato soppiantato dallo "sportivamente valido”.

Giordani: vorrei alla fine dare qualche indicazione in ordine all’altro tema del convegno, relativo alla collocazione attuale e alle potenzialità dell’Accademico, per esserci ed esserci in modo importante. Mi piacerebbe che il mondo accademico potesse dire la sua nella storia dell’alpinismo, in maniera ancora più importante di come lo fa oggi con l’Annuario, che è sicuramente una delle pubblicazioni più importanti che abbiamo, però sarebbe bello che fosse disponibile un archivio dell’alpinismo, una enciclopedia dell’alpinismo gestita da una commissione di accademici, gente preparata, competente che può dare le indicazioni di quello che è stato fatto e di quello che si fa. Sappiamo benissimo che al giorno d’oggi l’informazione alpinistica è prevalentemente in mano ai giornalisti e questa non è una garanzia di chiarezza e spesso le notizie che arrivano sono distorte, falsate o spesso tanto “si dimentica” di dire. L’Accademico potrebbe gestire una sorta di Wikipedia della montagna.

ANSELMO GIOLITTI Accademico

Abstract: presento le conclusioni del Gruppo di Lavoro volte ad evidenziare nel modo migliore possibile l’attività accademica del candidato, sia essa di stampo più classico ma di “grande respiro”, o piuttosto rivolta in modo particolare verso una specializzazione in una particolare disciplina

Anselmo Giolitti ph A. Rampini 1

LINEA GUIDA PRESENTAZIONE ATTIVITA’ CANDIDATI CAAI

La presente “Linea guida” non rappresenta un obbligo assoluto da rispettare da parte dei Presentatori e del candidato, si tratta piuttosto di consigli, di un indirizzo il cui intento mira ad evidenziare nel modo migliore possibile l’attività accademica del candidato sia che essa sia di altissimo livello, sia di stampo più classico ma di “grande respiro”, o ancora rivolta in modo particolare verso una specializzazione in una particolare disciplina

La modulistica che deve essere compilata si compone di sei parti distinte :

                 vie di alta difficoltà (ripetizioni, nuove aperture, solitarie, invernali)

in questo modulo vanno indicati i cinque anni migliori con 10/15 vie per ogni singolo anno.

L’attività alpinistica dovrà essere scremata riportando solo vie su roccia, ghiaccio o misto, significative, dal TD/TD+ e con lunghezze significative. Evitiamo vie di difficoltà inferiore al TD, sempre che non abbiano un valore particolare e le vie corte sotto i 200/300m, sempre che non siano particolarmente significative. Per le salite in quota (alta montagna) riportare solo salite con difficoltà D o superiore

                                                 attività extraeuropea

in questo modulo si ha libertà di indicare la propria attività riferita all’intera carriera alpinistica

                                         attività sportiva, trad, dry tooling

indicare in questo modulo un massimo di 25/30 vie con una difficoltà minima di 7a a vista e 7c lavorato. Per le lunghezze Trad il grado minimo richiesto è il 7a, per quelle di dry tooling D8

                               attività sulle cascate di ghiaccio

indicare in questo modulo un massimo di 25/30 cascate (minimo due lunghezze - 80/100 m.) con una difficoltà minima pari al 5 e M6

                                 attività didattica, culturale, divulgativa

indicare in questo modulo il proprio impegno in tal senso allegando articoli, blog, libri eventualmente prodotti.

             elenco delle 25 migliori vie di tutta l’attività alpinistica

Tenendo conto di un’apertura verso nuove discipline è infine possibile aggiungere ai sopracitati moduli un estratto della propria attività (un esempio potrebbe essere dato dalla pratica dello Sci Ripido )

I presentatori devono aiutare il candidato nella compilazione della modulistica (eventualmente avvalendosi del consiglio dei membri della CT con i quali è auspicabile la maggior collaborazione possibile al fine di avere evidenze delle qualità del candidato stesso) controllando bene affinché la stessa risulti completa, corretta nei nomi, nelle difficoltà, nelle lunghezze e ogni altra caratteristica di ogni singola via;

Il candidato dovrà presentare due copie cartacee dei moduli relativi all‘attività , complete della domanda di ammissione firmata, oltre ad una versione pdf con pagine in formato A4;

Il candidato dovrà utilizzare solo i moduli ufficiali e non moduli personalizzati;

Su ogni modulo ufficiale si possono riportare più anni, basta lasciare una riga bianca tra un anno e il successivo.

ITER PROCEDURALE CONSIGLIATO PER LA PROPOSTA DI NUOVE CANDIDATURE

1)  Un candidato deve essere presentato da almeno due soci del CAAI (presentatori)

2) Il candidato, in via preliminare, deve presentare il proprio curriculum compilando l’apposita modulistica che si compone di 6 parti distinte :

  • vie di alta difficoltà (ripetizioni, nuove aperture, solitarie, invernali)
  • attività extraeuropea
  • attività sportiva, arrampicata trad, dry tooling
  • attività sulle cascate di ghiaccio
  • attività didattica, culturale, divulgativa
  • elenco delle 25 migliori vie di tutta l’attività alpinistica.

E’ necessario consegnare tutte e sei le parti delle quali si compone la modulistica anche nel caso che alcune di queste rimanessero in bianco (in questa fase preliminare non è invece necessario compilare tutti i campi “generici” dei moduli della parte iniziale, sono sufficienti età, anni complessivi di attività).

Facoltativamente è anche possibile presentare un CV completo esposto liberamente, indicando, nel caso, il numero (anche approssimativo) di salite effettuate nei gruppi differenti da quello di appartenenza e/o il proprio impegno nell’attrezzatura/manutenzione di falesie e vie.

3) Il candidato allega una lettera di presentazione riportando le ragioni per cui desidera entrare nel sodalizio;

4) I presentatori devono far visionare l’attività ai componenti della commissione tecnica, motivando adeguatamente le ragioni della candidatura (verbalmente o per via cartacea) per una valutazione preliminare;

5) La candidatura, accompagnata dalla valutazione preliminare della C.T., sarà presentata ufficialmente all’assemblea del “Gruppo” con le seguenti modalità:

  1. a) Il candidato, con l’aiuto dei presentatori, compila la sua attività sugli appositi moduli ufficiali del CAAI (2 copie cartacee). Si raccomanda la corretta e completa compilazione dei moduli. Dovrà essere fornita anche una versione digitale;
  2. b) I presentatori dovranno allegare una lettera per motivare le ragioni di tale candidatura, illustrando lo stile alpinistico del candidato ed eventualmente il carattere e le potenzialità di quest’ultimo.
  3. c) Il candidato allega la lettera di presentazione di cui al punto 3) riportando le ragioni per le quali desidera entrare nel sodalizio.
  4. d) Il candidato dovrà far pervenire tutta la modulistica ufficiale in 2 copie (utilizzando gli appositi file digitali modificabili, compilandoli e salvandoli in formato PDF) e la lettera di presentazione alla presidenza o al segretario, entro il termine ultimo del 15 ottobre;

6) Nel caso si avesse notizia di informazioni che mettono in discussione l’attendibilità o la veridicità della candidatura, chiunque (socio, componente della C.T, …) ha il dovere di informare il presidente del gruppo, il quale, a sua volta, informerà i presentatori per le necessarie verifiche.

Il presidente, sentiti i vari pareri e fatte le opportune verifiche, decide se dar corso alla candidatura o ritirarla, anche se la stessa è già passata al vaglio dell’assemblea o della C.T.C.

7) L’assemblea deve valutare il candidato riguardo tutti gli aspetti: tecnico, esplorativo, culturale, organizzativo ed etico;

8) La C.T.C. è l’organo di consulenza del C.G. e deve valutare le candidature esclusivamente sotto il profilo tecnico. Se sorgono dei dubbi in merito alla veridicità dell’attività o altri elementi negativi, si deve informare il presidente del gruppo che avvierà l’iter di verifica di cui al punto 6.

SAMUELE MAZZOLINI Accademico

Abstract: dobbiamo cercare di intercettare quelli che praticano arrampicata nel loro territorio e far loro capire che c’è anche un altro modo più avventuroso e alla fine più soddisfacente di andare in montagna

Samuele Mazzolini ph A. Rampini 1E’ vero quello che è stato detto, oggi nonostante tutto c’è molta gente che arrampica e io sono convinto che con queste persone noi dobbiamo comunicare per portare i nostri ideali. Vi porto un aneddoto. Io vengo dal mare, da Cesena, un paese in cui l’alpinismo è approdato tardi e io mi sono trovato ad allenarmi per poter fare proprio quelle vie classiche di cui parlava Giordani (quelle che oggi fanno in pochi…) perché sono sempre stato prima che un arrampicatore un amante dell’avventura. Iniziando come autodidatta una volta mi trovo alla palestra di La Saxe a Courmayeur con un amico cercando di fare una via in artificiale con delle figure meschine, mi immagino adesso. In quella situazione arriva un arrampicatore, credo forte ma che non ho mai capito chi potesse essere, fa slegato una via di fianco alla nostra e poi cominciamo a parlare. Gli confidiamo che il giorno dopo volevamo andare a fare una via in artificiale di Bertone perché, scarsi per scarsi, almeno una via in artificiale aveva i chiodi e questo ci sembrava già qualcosa. E lui, invece di dirci: ”ma dove volete andare, non vedete come siete scarsi?" ci disse semplicemente “ Guardate che Bertone aveva le braccia lunghe”. In modo molto elegante, non offensivo e tranquillo ci suggeriva di cambiare via. Questa delicatezza mi è rimasta impressa nella mente e credo che un atteggiamento simile dovremmo averlo con le tante persone, soprattutto i giovani, che incontriamo e che non sanno nulla di alpinismo, perché purtroppo oggi si parte dalle palestre con le prese di plastica quindi tutto quello che era rischio, tutto quello che era etica, tutto quello insomma che è capitato a noi ai ragazzi non capita. E non è certo facile trasmettere avventura oggi. Noi dobbiamo cercare di intercettare quelli che praticano arrampicata nel loro territorio e far loro capire che c’è anche un altro modo più avventuroso e alla fine più soddisfacente di andare in montagna. Credo che questo sia l’approccio corretto ai giovani arrampicatori piuttosto che ergersi sul piedistallo di quelli che fanno/hanno fatto cose che voi non riuscite neanche a comprendere. Anche le iniziative di arrampicata trad sono importanti, perché così la gente prova e riesce a capire la differenza tra lo spit e la tua autoprotezione e riesce poi anche a capire il valore delle vie storiche.

FRANCESCO PIACENZA neoaccademico

Abstract: gente che scala oggi ce n’è ben più di una volta, ma in gran parte indirizzata a pareti comode e ben protette e questo è figlio della ricerca quasi ossessiva della protezione sicura anche da parte del CAI nei suoi corsi e questo alla fine va contro l’alpinismo. Un nostro intervento sull’avventura potrebbe smorzare un po' l’ossessione verso questa ricerca della sicurezza che oggi prevale in modo assoluto

Francesco Piacenza ph C. BarboliniVoglio prendere spunto da alcuni concetti emersi oggi dalle relazioni e dal dibattito per cercare di proporre qualcosa che possa aumentare la comunicazione tra l’Accademico e il mondo reale.

Sono entrato da poco all’Accademico e mi ricordo che la prima volta che partecipai ad un convegno del Gruppo Orientale qualcuno disse che gli Accademici sono i cavalieri della storia, e questo mi ha colpito. Io sono istruttore di alpinismo e di arrampicata libera e mi sono chiesto quale è la differenza tra un istruttore o tra un alpinista normale e un Accademico: la differenza è che forse un accademico ha avuto più esperienze, più avventure, ha quindi una storia in più da raccontare e questo è importante sotto il profilo della comunicazione. Ma queste storie sarebbe bello che fossero raccontate. Ci sono diversi modi di raccontare una storia ma se ognuno di noi (e siamo oggi 291) scrivesse o si facesse intervistare su una delle migliaia di storie che abbiamo vissuto in montagna, ecco che ci sarebbero già 291 storie di accademici a disposizione del pubblico. Qualcuno poi parlava del titolo di accademico come riconoscimento. Io credo che non sia questo: quando io sono entrato ho assunto l’onere di essere come dicevamo un cavaliere della storia, con il compito di tramandare questi concetti a tutte le persone che vedo nei corsi di alpinismo. L’idea che deve passare ancora di più è che diventare socio del CAAI non deve passare solo attraverso un curriculum tecnico ma anche attraverso la capacità di trasferire l’etica dell’alpinismo, la passione per coltivare la storia dell’alpinismo tra le persone. Come associazione non mi serve un nuovo membro che prende la patacca e continua a fare la sua vita di prima senza farsi carico di questa mission di comunicazione.

E come fare quindi a trasmettere questi valori? Giacomo diceva prima che il socio accademico faceva scuola, aveva un profilo etico, culturale di alto livello. Oggi purtroppo assistiamo ad un decadimento culturale e di senso civico dell’italiano medio ai minimi termini. Dobbiamo quindi intervenire nelle scuole di alpinismo: se ad ogni corso ci fosse un Maurizio, uno qualunque di noi che racconta una propria avventura si darebbe quel quid in più per far venire in mente, per trasmettere al corsista che ancora ha la mente aperta e può recepire tutto ciò che gli diciamo. Anche noi a nostra volta abbiamo avuto delle persone di riferimento e se ora diventiamo noi le persone di riferimento nei corsi nasceranno forse degli alpinisti interessati all’etica, alla cultura e all’amore per l’alpinismo. Oggi la gente guarda i siti e la difficoltà dei tiri, nessuno si compra più il libro, nessuno legge la storia dell’alpinismo e in questa situazione una presenza sistematica degli accademici nei corsi sarebbe importante per introdurre i criteri di etica, avventura e alpinismo.

Come diceva Maurizio gente che scala oggi ce n’è ben più di una volta, ma in gran parte indirizzata a pareti comode e ben protette e questo è figlio della ricerca quasi ossessiva della protezione sicura anche da parte del CAI nei suoi corsi e questo alla fine va contro l’alpinismo ed è lì quindi che dopo una lezione sui tasselli, sui coefficienti di tenuta ecc un nostro intervento sull’avventura potrebbe smorzare un po' l’ossessione verso questa ricerca della sicurezza che oggi prevale in modo assoluto. Intendiamoci, ben venga la sicurezza naturalmente, ma anche lanciare qualcosa di diverso sembra molto importante.

Mazzolini: Credo che questi interventi di carattere didattico siano molto importanti ma sono convinto che quando una cosa la vedi e la proponi sia molto più coinvolgente. Far provare, magari anche un semplice monotiro, far posizionare i friend, capire se tengono, far capire la soddisfazione di autoproteggersi e capire quindi anche l’etica di apertura che dal vivo viene spiegata meglio che da tante parole. E capire che tra una protezione e l’altra bisogna scalare e capire che diversamente è un’altra attività e se queste cose vengono viste e spiegate aiuta poi molto anche a maturare una considerazione diversa sulle vie classiche e aiuta a mantenerle nello stato in cui sono nate. E quindi questa comunicazione è importante nei corsi del CAI e sarebbe utile insistere abbastanza sul rispetto della storia, su quello che è stato e su cosa significa veramente “arrampicata”. E trasmettere questi concetti si può fare in vario modo, scrivendo un articolo, portando i giovani a fare un’esperienza di avventura su una via o anche su un monotiro, cercando di andare ad intercettare le persone nei luoghi dove ora si inizia ad arrampicare

Giovedì, 19 Novembre 2020 09:20

 

Daniele Caneparo, 55 anni, medico neurologo e accademico, partito in solitaria con gli sci, come spesso faceva, il 23 novembre 2019 sui monti di Champorcher (Valle d’Aosta), non è più ritornato.

E’ stato ritrovato a fine giugno 2020, allo scioglimento delle nevi che l’avevano travolto.

Proponiamo un articolo, non celebrativo ma di profonda umanità, per la penna del socio Matteo Enrico, che che lo frequentò insieme al fratello Luca condividendo con lui belle esperienze in montagna. 

 

Alle 20 inoltrate di un giorno di agosto 2003, in quella che passerà agli annali come una delle estati più calde di sempre, io, mio fratello ed altri due amici siamo beatamente seduti sulla terrazza del Rifugio Envers des Aiguilles. Improvvisamente vediamo arrivare un uomo ed una donna. Prima di giungere sulla terrazza, l’uomo si ferma nei pressi di un rubinetto dell’acqua, si spoglia completamente, mutande incluse, ed inizia a darsi una bella rinfrescata. Lo riconosciamo, è Daniele Caneparo. Ridiamo divertiti. Ci salutiamo e scambiamo due battute. Non lo conosciamo ancora bene, se non per averlo incrociato in falesia qualche volta anni addietro.

Lunella canaleNO 18Lunella canale NOCon Paolo Zanoli abbiamo appena iniziato a risalire sci a spalle un ripido canale nella zona di Bardonecchia, poco più avanti notiamo uno scialpinista che sta fissando gli sci sullo zaino. Ci avviciniamo, giacca arancione sbiadita, movimenti lenti e precisi. E’ Daniele Caneparo! Sono passati 6 anni da quel giorno sul Bianco, siamo contenti di rivederlo, risaliamo tutto il canale insieme fino in punta alla Guglia di Mezzodì. Ridiamo e scherziamo, Daniele è davvero simpatico. Decidiamo di organizzare altre gite insieme.

 

“E’ una cosa pazzesca, non si può scindere il rischio dall’alpinismo, l’alpinismo senza rischio semplicemente non esiste”. E’ un giorno d’inverno, l’auto risale con grinta i tornanti della valle ancora buia e addormentata, la meta è uno dei canali che solcano le ripide pareti del Monviso. Daniele è in preda a una delle sue memorabili e ferventi oratorie, i passeggeri dell’auto, un po’ addormentati e un po’ interessati seguono il ragionamento, così apparentemente assurdo ma così realmente vero. E Daniele non era uno che parlava a vanvera, a 14 anni aveva salito da solo e slegato grandi pareti nord delle Alpi, come il “Couloir Couturier” all’Aiguille Verte o la “Neruda” sulla nord del Lyskamm mentre il padre lo aspettava al rifugio.

Punta Nonna 2 O quando, a 16 anni, sulla grandiosa via “Major” al Bianco, nel cuore della Brenva, il compagno, pressoché coetaneo, cadde e morì. Immaginate un ragazzino di 16 anni, nel cuore di una delle pareti più selvagge e severe delle Alpi, da solo, senza possibilità di poter chiamare i soccorsi e senza cellulare, doversi ritirare in completa solitudine. Un qualcosa di cui forse oggi si sarebbero interessati, più che le testate di alpinismo, i servizi sociali. Tempi che cambiano, decisamente in peggio, in un mondo dove la libertà, ivi compreso il suo modo di morire, è sempre più costretta nel vincolo della sicurezza e nel trovare il capro espiatorio a tutti i costi. Un mondo dove anche chi va in montagna, spesso, invece di solidarizzare, si erge a grillo parlante con un “se l’è andata a cercare”. Sì, è vero, forse Daniele se l’è andata davvero a cercare in quell’ultima scialpinistica, in un luogo di una difficoltà insignificante per lui, ma l’ha fatto razionalmente e con la consapevolezza di chi ha sempre seguito uno stile di vita, coerente fino in fondo.

Fortissimo alpinista e audace esploratore di vie nuove, “spesso e volentieri gli alpinisti dimenticano o forse semplicemente ignorano luoghi un po’ cupi e solitari e per questo terribilmente affascinanti”, ripetè anche numerose vie in solitaria, spesso senza corda. A tal proposito voglio ricordare la solitaria della via “Bonington” al “Pilone Centrale del Freney” nel 1992, con accesso dal Col du Peuterey, legandosi solamente sul tratto della “Chandelle” con un cordino da 7 mm, o quella al “Pilier Cordier” ai Grand Charmoz, proprio in preparazione al Pilone “andai su da Chamonix in giornata ma all’attacco scoprii che avevo dimenticato le scarpette..allora..ahahahahahah..iniziai a fare i primi due tiri a piedi scalzi. Poi però mi accorsi che sarei stato troppo lento così tornai il giorno dopo”. Questo era Daniele Caneparo, un alpinista, un accademico con la A maiuscola. Sempre alla ricerca delle novità e di un qualcosa di nuovo, fu tra i primi a ripetere le vie moderne di Michel Piola, tra cui “Folies Bergere” e “Panne de Sense” (il primo 6c obbligato del Bianco). “Voyage selon Gulliver” la prima volta non riuscì a farla, perché nel viaggio di andata riuscì a ribaltarsi con la sua auto e sentire l’asfalto attraverso il tettuccio del veicolo. Sì perché Daniele era sempre oltre, lui che arrivava sparato alla barriera del Telepass (“fino agli 80 km/h si apre”), veloce sulla sua Seat Ibiza TDI 1900, inseguito dalla Polizia mentre tornava in Toscana (“Ah! La macchina migliore che abbia mai avuto. Peccato che l’abbia distrutta”).

DSC04265I misteri della fisica, una bella realizzazione di Daniele Caneparo al Trono di Osiride nel Vallone di Sea In Piemonte fu uno dei protagonisti assoluti degli anni ’80 in Valle dell’Orco, autore di prime libere e vie memorabili, basti ricordare “Legoland”, la “Separate Reality” italiana. Daniele fu però anche letteralmente stregato dal selvaggio Vallone di Sea, dove tracciò una delle sue linee più pure ed estetiche, “Così parlò Zarathustra, una via per tutti e per nessuno”, ma anche “Gente Distratta”, “Apprendisti Stregoni”, “Misteri della Meccanica” e “Misteri della Fisica”, dove a causa di un imprevisto, bivaccò tutta la notte. Daniele, seppur dopo qualche tentennamento, dovuto alla sua concezione di alpinismo, approvò comunque la nostra opera di rivisitazione delle vie del Vallone, “è giusto che chi è ancora in attività segua le tendenze attuali dell’arrampicata”, in fondo felice che le sue vie venissero di nuovo ripetute. Per scherzare, spesso gli dicevamo che avevamo o avremmo messo una mitragliata di spit solamente sulle sue vie, e lui rideva divertito.

Guglia Mezzodì Nord 4Guglia Mezzodì

Daniele trovò, dopo aver smesso di scalare, la sua dimensione con lo scialpinismo e con lo sci ripido. Le gite con Daniele erano sempre lunghe, selvagge, profondamente scialpinistiche e avventurose, talvolta in luoghi che non erano mai stati battuti prima con gli sci. I “ravanamenti” iniziali erano sempre ampiamente ripagati da pendii strepitosi e da luoghi solitari. Non sempre però era facile combinare gite con Daniele, più la stagione avanzava e più lui diventava euforico, e talvolta era difficile seguirlo nei suoi progetti. Ricordo che Paolo Gallina mi raccontò che un giorno Daniele, in una delle sue oratorie, disse che non si capacitava come mio fratello ed io, non avendo figli, fossimo talvolta troppo conservativi non avendo nulla da perdere! Questo era Daniele, sempre oltre, a tal punto da perdere l’equilibrio sulla nord del Viso, su un pezzo ghiacciato e fermarsi miracolosamente su una lamina dello sci. Ma Daniele era duro, forte, e anche orgoglioso. Alle 17 di un lontano inverno apparve uno squillo a suo nome sia sul telefono di mio fratello che su quello di Enrico Pessiva, poi più nulla. Daniele non era raggiungibile. Tutti si allertarono, non si sapeva dove fosse. Fu di nuovo raggiungibile alle 22, mentre mangiava un panino all’autogrill. Aveva avuto, durante la discesa dalla sud del Frioland una distrazione al ginocchio. Percorse centinaia di metri di dislivello praticamente strisciando, pur di non chiamare l’elisoccorso. Una forza della natura, come quando sferzato dal gelido vento invernale, si fermava a parlare con altri gitanti, con solo addosso la maglietta di cotone intrisa di sudore. Poi arrivava in cima, e chiedeva se volevi del thè caldo, che altro non era che aranciata gelata.

Della mancata chiamata all’Elisoccorso ne fece le spese anche Paolo Gallina, che verso la fine di una gita alle Rocce del Fraiteve non vide un muretto a secco e si fratturò un piede. Daniele improvvisò una barella e lo porto giù fino all’auto, “oggi mi sono divertito tantissimo, da morir dal ridere”, disse al telefono la sera dell’infortunio, con il suo ironico cinismo e la sua straordinaria umanità.

con Lucycon Lucy Quell’umanità che tutti notammo, ancora una volta, un lontano giorno di dicembre, quando tutta la nostra combriccola si prodigò a portare giù Lucy, cane vecchio e glorioso, che ci aveva seguito fino sulla vetta del monte Briccas. Erano le 16.30, stava diventando buio, e c’era così talmente tanta neve da non riuscire a curvare, e la povera cagnolona non riusciva a scendere. Io, grande amante dei cani, non ebbi il minimo dubbio, e rimbrottai anzi un po’ Daniele che iniziava ad esordire con un “capisci, questa è selezione naturale”…ma pochi secondi dopo ce l’aveva in spalla, e con una staffetta memorabile facemmo ciascuno un tratto con Lucy sulle spalle, portandola sana e salva a valle. A seguito di quell’episodio Daniele scrisse una meravigliosa lettera al suo amico Marco L.

Potrei andare avanti con altri aneddoti, altri episodi, altre vicende che hanno legato me e mio fratello a Daniele in questi anni.

rocca bianca

 

foto Daniele

 

 

 

Posso dire che Daniele è stata una persona straordinaria, e lo affermo senza l’ipocrisia di dare la gloria ai morti, estremamente umana e professionalmente molto competente (potendolo affermare a ragion veduta, in quanto ebbe in cura nostro papà per diverso tempo), sempre con un consiglio giusto, ragionato. Perché Daniele era anche uno studioso, non solo nel campo medico, ma in tanti altri settori della cultura e dell’esistenza in generale. Porterò sempre con me il ricordo di una gita il primo dell’anno del 2013, dove, di ritorno dalla Rossa di Sea, mi parlò con enfasi e un velo di tristezza di tanti aspetti della vita, anche privati.

Passammo a casa di Sergio Sibille il capodanno del 2018, non sapendo che per te sarebbe stato l’ultimo. Ancora una volta ci raccontasti dei tuoi studi e delle tue peripezie. Fu un brindisi alla vita.

Quando quel lunedì 25 novembre 2019 squillò il telefono e dall’altro capo c’era Enrico Pessiva che ci chiedeva se avevamo notizie di Daniele, disperso da sabato, un oscuro pensiero si palesò in noi, “la valanga è il vero corpo a corpo con la montagna”...già, Daniele caro, ma stavolta aveva vinto lei. Ma sono, siamo sicuri, che anche in quell’attimo, nel momento fatale del trapasso, con il tuo solito e impagabile cinismo, avrai fatto un brindisi. Non alla morte, ma alla vita.

chiavesso

 

 

 

 

Mercoledì, 11 Novembre 2020 16:47

Ormai ci stiamo abituando a vivere a “fasi”.

Luca e Matteo Enrico, dopo la fase del primo lockdown, rivivono il momento in cui ci si è riaffacciati a pareti e falesie e si è cercato di riannodare i fili di discorsi e progetti rimasti in sospeso.

Ma le fasi si susseguono così rapidamente che l’articolo che proponiamo ha ormai già il sapore di una cosa d’altri tempi…

 

#FASE2, UNA NUOVA ESTATE IN VAL GRANDE

Un’antica leggenda narra che Sant’Eldrado, uscito nel giardino del convento per meditare, si fosse assopito un istante al canto di un usignolo  accorgendosi, una volta risvegliatosi, che in realtà erano passati 300 anni…

IMG 20190922 WA0007 001Specchio di Iside: M. Enrico in apertura sulla via Chiquita Noi appassionati di montagna ci siamo addormentati che era ancora inverno ed ora, che parte del peccato di volersi muovere è stato sufficientemente espiato, ci siamo risvegliati alle porte dell’estate.

Quando abbiamo riaperto gli occhi, alla magia della neve, dei canali, dei boschi innevati e della luce invernale si sono sostituiti i prati verdi, le pareti quasi asciutte e libere dal verglas, i sentieri e le mulattiere ormai camminabili, le giornate lunghe e piene di sole.

Al mondo freddo e cristallizzato dell’inverno è subentrato un mondo più caldo e vitale che ci condurrà all’estate vera a propria, fatta del rumore delle acque impetuose, degli animali al pascolo e di tutti quelli selvatici ormai usciti dal loro letargo.

Al rumore delle lamine sulla neve e del fruscio delle pelli si sta sostituendo quello degli scarponi sui sentieri e quello delle grida di comando degli scalatori in parete.

Un po’ come Sant’Eldrado  ci siamo risvegliati non riconoscendo più cosa ci sta intorno, riprenderemo però a sbirciare le condizioni e il meteo, a progettare le uscite e a fantasticare nuovamente su tutto ciò che in questo lasso di tempo sospeso è stato interrotto.

E lassù in Val Grande cosa mai succederà?

La stagione, lo scorso autunno, si era chiusa anzitempo, per via di abbondanti piogge e precoci, copiose, nevicate e purtroppo si era chiusa con un increscioso episodio, ovvero la rimozione di fix su un nostro itinerario, operato dai soliti “ignoti”, fautori innanzitutto dell’ “etica” dell’anonimato…

20190623 113354 001Gran Bernardè Spigolo Ovest, prima sosta via Grassi-Lang

 

 

 

A quel disdicevole episodio avevamo dato una risposta chiara e tangibile, aprendo una nuova via sullo Specchio di Iside. Una via che supera la grande arcata che delimita sulla sinistra le placche dello Specchio. Abbiamo voluto piazzare solo le soste, tutto il resto è trad, chi è bravo si porterà pochi friends, chi è meno bravo se ne porterà tanti e magari maledirà un po’ gli apritori per un passaggio un po’ expo sull’ultimo tiro. Ma tant’è, non si può mai accontentare tutti e d’altra parte a volte un pizzico di suspence ed avventura non guastano. A breve vi forniremo anche la relazione!

 20190623 110102 001Gran Bernardè Spigolo Ovest, inizio via Grassi-Lang

DSCN7649 001Vallone di Sea: Specchio di Iside, Parete dei Titani e Trono di Osiride

 

 

Da quando abbiamo iniziato questo lungo e faticoso lavoro di ripristino sono passati ormai 5 anni e potremmo quasi dire che la Fase 1 (giusto per rimanere in tema!) si è conclusa.

Ora la Val Grande (e nel Vallone di Sea in particolare) può vantare un bel numero di vie ripristinate. Considerato l’enorme lavoro da noi svolto, in termini di tempo, fatica e denaro, per cercare di rendere fruibili itinerari dimenticati da decenni (alcuni mai percorsi) ci piacerebbe che nessuno, sotto forma di anonimato, ripetesse incresciosi gesti come quello dello scorso autunno.

In Sea si sono riportati alla luce itinerari dimenticati ed impraticabili, il fix è stato utilizzato in sostituzione degli spit-roc piazzati da Grassi negli anni ’80 o per rendere fattibile la scalata in libera di sezioni altrimenti da farsi in artificiale. Non abbiamo mai banalizzato gli itinerari e i passaggi, senza però comunque cadere nell’errore di lasciare le vie allo stato

 

P1010756 001 Specchio di Iside: M. Enrico in apertura sulla via Chiquita

originario, perché ciò vorrebbe dire talvolta lasciare anche le fessure intasate di terra e gli arbusti a rendere ostico un ribaltamento.

Queste vie per vivere e non tornare inghiottite dalla vegetazione devono poter essere percorse frequentemente e quindi non solo da pochi agguerriti top climbers, o presunti tali. Insomma, abbiamo, finora, cercato di trovare un compromesso che non scateni assurde guerre che porterebbero solo a danneggiare la roccia e l’ambiente naturale.

Il mondo dell’arrampicata si sa com’è, ci sarà sempre chi vorrebbe lasciare le vie intasate d’erba per meglio aggrapparsi ai ciuffi, chi vorrebbe avere visibilità senza muovere un dito, chi dice sempre e solo “qualcuno dovrebbe fare”… qualcun altro ovviamente, chi si sentirà un fenomeno da salotto citando etiche e decaloghi vari… ci sarà però anche chi scalerà per il piacere di farlo, unicamente per quello, e chi si prodigherà per riportare alla luce vecchi itinerari inghiottiti dal tempo e dal muschio.

 

20160626 185256 001Vallone di Sea: Specchio di Iside, Parete dei Titani e Trono di Osiride 1

 

IMG 20200119 WA0022 001Salendo d’inverno nel bacino della Gura

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E ora? E ora lanciamo anche noi, tutti insieme, la Fase 2!

La via dell’arcata è in realtà già una di queste! L’idea, dopo il primo “pacchetto” di vie ripristinate, perdonateci il paragone, alla “Motto style” sarebbe quella di rivedere altri itinerari secondo tre filoni ben precisi:

  • Vie totalmente trad (come quella sull’arcata) solo con soste a fix (che ci costano anche molta meno fatica!);
  • Vie totalmente a fix su placche e muri (come la bella Climber Ali di Legno, richiodata a settembre 2019);
  • Vie miste, con fix ridotto al mimino.

Speriamo dunque che la stagione prosegua con il tempo bello, come è stato in questi mesi di reclusione forzata. I progetti ci sono e vorrebbero rendere ancora più varia e corposa la scelta, già comunque cospicua, che la nuova guida “Val Grande in Verticale” propone.

Questa pubblicazione è solo il punto di partenza per proseguire l’opera di valorizzazione di un posto così magico qual è Sea. Come dicevamo i progetti ci sono, vie classiche e più misteriose, se non addirittura irripetute, attendono solo di essere salite ed esplorate.

DSCN7966 001Vallone di Sea: Cresta della Cittadella e Specchio di Iside

Sarebbe anche bello poter visitare zone di Sea più recondite, al limite con l’alpinismo, e magari scovare qualche nuova linea. In realtà qualcosa abbiamo già adocchiato...

La nuova stagione che si preannuncia, sicuramente travagliata per i lunghi spostamenti o la pianificazione di vie lontane da casa, se non addirittura fuori dai confini, potrebbe proprio essere l’occasione per frequentare maggiormente Sea e la Val Grande. Magari confrontandosi costruttivamente si potrebbe dar vita a dei bei “cantieri” ed unendo le forze molti potrebbero provare l’ebbrezza delle chiodature, dello stare appesi a pulire e provare il passaggio, vivendo magari un’estate un po’ diversa dal solito ma che alla fine saprà regalare bei ricordi.

 

 

 

 

  

La stagione dell’arrampicata è ormai avviata e sperando di poterci sempre più liberamente muovere  potremo divertirci a salire placche e fessure, confidando non nel distanziamento sociale ma in quello da certe ideologie incancrenite, cercando di assaporare la vera essenza della scalata.

Quindi speriamo che sia un’estate dove tutti potranno divertirsi e la polemica, di cui nessuno in questo periodo ha bisogno, possa davvero essere la grande assente dell’estate.

 

Sabato, 07 Novembre 2020 21:01

In uno pdfscritto di Costantino Piazzo le straordinarie avventure alpine ed extraalpine di Mario Piacenza,

socio Accademico e una delle figure più rappresentative del mondo alpinistico all'inizio del XX secolo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

012 Mario Piacenza 1

 015 Mario Piacenza 4

 

Si ringrazia la FONDAZIONE SELLA per le immagini pubblicate

016 Mario Piacenza 5

Sabato, 07 Novembre 2020 17:32

Cima alle Coste - Parete Centrale   - T. Quecchia (C.A.A.I.), D. Ballerini, C. Stefani, F. Prati (C.A.A.I.), F. Culazzu 1995

005 Paradiso 11 aprile 2015 007Percorre le grandi placconate dello Scudo e supera poi direttamente la parete superiore seguendo una linea molto logica tra muri e strapiombi. Una linea di concezione e difficoltà moderne affrontata con attrezzatura tradizionale e pochi spit.

Sono passati 25 anni dall’apertura, ma la via conserva il suo fascino di grande via classica, soprattutto nella parte alta, rimasta chiodata in modo parsimonioso.

Una bella impresa della cordata guidata dall’Accademico Tiberio Quecchia, personaggio tra i più rappresentativi dell’alpinismo moderno bresciano.

Alcune immagini di Samuele Mazzolini (ripetizione del settembre 2020) e Alberto Rampini (ripetizione dell'aprile 2015)

007 diso 11 aprile 2015 020Passi delicati...

 

 

 

 

 

 

 

003 IMG 20201019 WA0002Roccia fotonica sugli strapiombi superiori

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

002 IMG 20201019 WA0001

 

 

 

 

 

 

 

 

 

004 IMG 20201019 WA0003Ultimi tiri

 

 

 

     010 Paradiso 11 aprile 2015 044L'ultimo muro strapiombante

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

013 TOPO estinazione Paradiso

 

 

 

 

       011 iso 11 aprile 2015 049

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 012 aradiso 11 aprile 2015 052

    

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sabato, 24 Ottobre 2020 21:07

Storico bivacco del C.A.A.I., posizionato nel 1933 poco sopra la Breche Nord des Dames Anglaises a quota 3.490 metri, rappresenta un punto di appoggio fondamentale per le cordate che percorrono la Cresta Integrale di Peuterey. Situato su un piccolo gradino roccioso in piena parete, è un minuscolo bivacco a botte, alto m. 1,25, largo m. 2,25 e profondo m. 2, in legno ricoperto di lamiera zincata. Può offrire riparo a 4 persone.

 Il Bivacco Craveri comeraIl Bivacco Craveri come era

 

DSC03835 Copia di NXPowerLiteIl Bivacco Craveri come è oggi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel settembre scorso è stato oggetto di lavori di manutenzione straordinaria che assicurano oggi ospitalità spartana ma sicura in caso di necessità. Il manufatto è stato anche dipinto esternamente di colore verde intenso (RAL 6037 ) che garantisce la migliore resistenza agli agenti atmosferici e facilita l’individuazione anche in condizioni di ridotta visibilità.

DSC03775 Copia di NXPowerLite

 

DSC03777 Copia Copia di NXPowerLite

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 IMG 20200912 WA0002 red

 

 

 

 

 

 

 

DSC03793

 

DSC03817 Copia di NXPowerLite

 

DSC03802 Copia di NXPowerLite

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I lavori sono stati eseguiti dalla Ditta Barbolini Carlo, socio CAAI, coadiuvato da Tommaso Castorina e Beppe Villa (CAAI e GA) in qualità di assistente per il mezzo aereo. Il trasporto dei materiali e degli operatori, operazione davvero impegnativa per l’ubicazione del bivacco, è stato effettuato dalla HELIMONTBLANC, pilota Alex Busca.

E’ stata anche raccolta e portata a valle la spazzatura abbandonata sul posto da alpinisti incivili, comprese numerose paia di scarpette (dal bivacco fino alla vetta del Bianco non servono più….). Vogliamo fare un appello ad un maggiore senso di responsabilità da parte degli utilizzatori della struttura.

DSC03809 Copia di NXPowerLite

 DSC03839 Copia di NXPowerLite

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

I bivacchi del Club Alpino Accademico Italiano sono oltre 20, posizionati in siti strategici sull’arco alpino, e sono a disposizione gratuitamente per tutti gli alpinisti, ai quali si chiede solamente rispetto delle strutture e dei luoghi che le ospitano.

 DSC03828 Copia di NXPowerLite

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

a cura di A. Rampini

craveri corr Copia di NXPowerLiteNel circolo il Bivacco Craveri: una posizione superba

Sabato, 03 Ottobre 2020 14:31
 

Il Convegno Nazionale 2020 del C.A.A.I. si terrà il 17/18 ottobre

a TRENTO presso la Sala Conferenze del Grand Hotel Trento

Piazza Dante, 20

 

TEMA DEL CONVEGNO

L’Accademico ieri, oggi e domani

Attualità e prospettive per il rilancio dei valori storici

del C.A.A.I. e della figura del socio

 

Relatori:

Giacomo Stefani

Il C.A.A.I. visto da un socio

quarantennale con 9 anni di presidenza generale

Alberto Rampini

La figura dell’Accademico oggi e l’evoluzione dei

parametri di ammissione

Maurizio Giordani

Attualità del socio C.A.A.I.

Dove va l’alpinismo oggi?

Samuele Mazzolini e Francesco Piacenza

La comunicazione: creare interesse verso il C.A.A.I.

Sergio De Leo

Candidature e nuova modulistica

Moderatore: Alessandro Gogna

 

PROGRAMMA DEL CONVEGNO

Sabato 17 ottobre

Ore 13,00 – Arrivo e registrazione dei partecipanti

Ore 14,30 – Inizio dei lavori

Ore 19,00 – Chiusura dei lavori

Ore 20,00 – Cena offerta dalla Presidenza Generale

Per gli accompagnatori si prevede una visita

guidata alla città.

 

Domenica 18 ottobre

Arrampicate ed escursioni in zona

 
 

La sala che ci ospiterà si trova a Trento in centro città,

facilmente raggiungibile con breve passeggiata

dai vari parcheggi che servono il centro cittadino.

Le varie fasi del Convegno vengono organizzate in

modo da rispettare le normative vigenti in tema di

protezione contro la diffusione del Covid19.

Tutti i partecipanti dovranno rispettare il distanziamento

ed essere muniti di idonea mascherina da

indossare quando necessario.

Parcheggi consigliati:

Parcheggio Europa via Vannetti, 16

oppure Autosilo Buonconsiglio di via Petrarca.

Entrambi distano 2 minuti a piedi dall’hotel.

 
Si consiglia vivamente di prenotare la propria partecipazione
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Venerdì, 25 Settembre 2020 12:25

Via nuova  allo Spallone del Sassolungo - Pilastro Lupezza -  ad opera di Filippo Nardi (C.A.A.I.) e Jacopo Biserni 

UN SOGNO LUNGO OTTO ANNI

Sassolungo, montagna del cuore, montagna di una vita. Molti anni fa, faccio la conoscenza di Ivo Rabanser, e le sue vie, insieme ai suoi preziosi consigli, alimentano e fanno crescere il mio interesse per questo gruppo montuoso. Il fascino che esercita su di me è qualcosa di misterioso e che non riesco a spiegarmi. Scorrono gli anni e si sommano, numerosissime, le mie ripetizioni delle sue vie, anche di quelle meno conosciute. Sulle sue pareti, con gli amici vivo avventure bellissime e provo emozioni profonde, come difficilmente mi succede su altre montagne. Si fa strada l’idea di aprire una nuova via: la parete sud-est dello Spallone attira la mia attenzione e mi intriga.

Foto parete

Nel dicembre del 2012, ha inizio così, con il fido Beppe Prati, il sogno. I primi 4 tiri nascono in fretta. Ad inizio estate dell’anno successivo ne aggiungiamo altri due, arrivando sotto ad un muraglione giallo impressionante. Dubbi e perplessità. Saliamo qualche metro, piantiamo qualche chiodo. Il tutto cade poi in un oblio alpinistico: altre idee, altri progetti, altre avventure. Nel frattempo conosco Jacopo Biserni, pieno di vita e determinazione. Facciamo parecchie salite insieme e, quest’estate, il suo entusiasmo e la sua tenacia, mi stimolano a riprendere in mano il progetto. Mi piace il suo modo di vivere la nuova avventura, di sentirla. Come fosse stato presente sin dal 2012. Si susseguono risalite di tiri, trasporti di carichi notevoli, sulle spalle o al traino, chiodi piantati, dita schiacciate, dubbi sulla linea ed un bivacco scomodissimo, che ricorderò come il più penoso della mia vita. Proprio durante quella notte, sotto il cielo trapuntato della Val Gardena, nasce l’idea: è morto da poco il grande maestro Ennio Morricone e l’interesse per la musica, che mi accomuna a Jacopo, fa il resto. La via si chiamerà proprio “Ennio Morricone”! A settembre la terminiamo, sulla punta di un piccolo pilastro staccato, dove il resto della parete perde di qualità, continuità ed interesse. Proponiamo di intitolarlo ad un amico di tante avventure, scomparso purtroppo qualche anno fa. Ne sarà sicuramente felice.

 

RELAZIONE DELLA VIA

GRUPPO DEL SASSOLUNGO

SPALLONE DEL SASSOLUNGO M. 3081 – PARETE SUD - EST

PILASTRO LUPEZZA (TOP. PROPOSTO)

VIA “ ENNIO MORRICONE”

 Primi salitori: Filippo Nardi e Giuseppe Prati i primi 5 tiri, nel 2012. Filippo Nardi e Jacopo Biserni dalla lunghezza 6 sino al termine, durante l’estate del 2020.

Sviluppo: 500 m. circa, 14 tiri.

Difficoltà: VI+, VII, VII+, IX- (oppure VII e A0, in un tiro)

Materiale: Utilizzati e lasciati in posto 44 chiodi e 7 spit (esclusivamente sul tiro più difficile), oltre ad alcuni cordini nelle poche clessidre presenti. Le prime 5 soste sono su 3 o 4 chiodi, mentre tutte le restanti hanno un fix con anello ed un chiodo. Per una ripetizione si consiglia una serie completa di friends BD Camelot (dallo 0,3 al 3 ed un paio di misure micro, verde e rosso), una piccola scelta di nuts e 3-4 chiodi assortiti. Necessarie corde da 60 metri.

Tempo di salita: 6-8 ore

Il nuovo itinerario supera, con direttiva pressoché diretta, la verticale porzione della parete sud-est compresa tra la via “Fiamme Gialle” (a sinistra) e il Pilastro Est (a destra) dove sale la via “Cristina”, terminando sulla punta di un piccolo pilastro staccato che i primi salitori hanno voluto chiamare con il nome di un amico e compagno di molte salite, scomparso alcuni anni fa. La salita presenta un’arrampicata molto bella ed elegante, in alcuni tratti decisamente esposta, su roccia generalmente buona e compatta, salvo in alcuni tratti nei tiri 4 e 5, dove la roccia è in parte friabile. La gialla fascia centrale, sopra l’incrocio con la via della Rampa, viene superata con due belle ed estetiche lunghezze in placca, lasciate ben chiodate. La via è stata percorsa in arrampicata libera dagli stessi apritori.

 

ACCESSO: Dal parcheggio della cabinovia Sassolungo per il rif. Demetz, si segue il sentiero per il rif. Comici sino in corrispondenza della stazione a monte del primo impianto sciistico (seggiovia) che si incontra. Per prati prima e ripide ghiaie poi, si raggiunge la parete est. L’attacco è posto un centinaio di metri a sx (faccia a monte) rispetto all’inizio della via della Rampa, sotto un evidente sistema di fessure di roccia grigio/nera (fare anche riferimento alla fotografia allegata). Ometto alla base + chiodo e cordone, dopo un breve zoccoletto. (ore 0.45)

Ennio Moricone JPG

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1)  Salire l’evidente sistema di fessure di bella roccia compatta, sino ad un terrazzino di sosta (30 metri, IV+/V, nessun chiodo).
2)  Proseguire lungo la sovrastante fessura, raggiungere una zona più facile e per fessure, leggermente in diagonale verso dx, raggiungere la sosta (30 metri, VI/V+/V/IV+, 1 chiodo).
3)  Superare verso sx il breve strapiombino subito sopra la sosta, continuare per il camino- fessura e per risalti verticali al punto di sosta (30 metri, V/IV+, un cordino in clessidra).
4)  Salire il soprastante diedro aperto (sulle rocce di dx roccia migliore), poi proseguire diritto in parete (roccia delicata) sino sotto ad un’evidente zona strapiombante giallastra. Traversare 3 metri a dx (tratto friabile), aggirare uno spigoletto accennato ed in verticale arrivare in sosta, presso una nicchia gialla (30 metri, VI/VI+/V, 5 chiodi e un cordino in clessidra).
5)  Superare la fessura gialla che sale in diagonale a sx ( roccia scagliosa), guadagnare una zona più facile, salire un breve caminetto sulla dx e, per risalti e paretine, raggiungere la sosta, posta sotto una zona strapiombante scura (incrocio con la via della Rampa) (50 metri, IV+/III, 2 chiodi).
6)  Salire in diagonale verso sx, in direzione di due prue nere strapiombanti, superarle e continuare diritti per alcuni metri, sino ad una grande clessidra con cordone. Da qui proseguire in diagonale verso dx, superare un bel muretto di roccia nera e molto lavorata, raggiungendo poi la sosta, posta presso una cengetta con un grande scaglione staccato (45 metri, V+/IV+, 1 chiodo e 4 cordini in clessidre).
7)  Dalla sosta alzarsi sulla bella placca con buchetti, in diagonale verso dx, salire alcuni metri diritto e poi traversare decisamente a sx, sino ad una grande lama che si segue fino alla sosta su terrazzino inclinato. Tiro estetico (15 metri, VI+/VII+/V+, 9 chiodi).
8)  Salire la bellissima placca verso dx, poi diritti per alcuni metri piuttosto impegnativi, quindi verso sx, superando infine il sovrastante leggero strapiombo alla sua estremità dx. Sosta scomoda. Tiro molto bello (25 metri, VIII-/IX- (VII e A0), 7 chiodi e 7 spit).
9)  Traversare subito a sx con alcuni passaggi ostici, aggirare uno spigoletto accennato e continuare a traversare verso sx, superando infine una difficile placca con un buco evidente e due buchetti più piccoli. Sosta pochi metri sopra, su comoda cengetta (25 metri, VII/VI/VII+, 4 chiodi e 1 cordino in clessidra).
10)  Traversare a sx, all’inizio anche abbassandosi un paio di metri, superando il lungo strapiombetto sovrastante alla sua estremità sx, proseguire in verticale su bella placca compatta (più in alto visibili 3 chiodi a pressione della via “Fiamme Gialle”), sino a quando è possibile traversare verso dx per raggiungere l’evidente diedro superficiale che si segue sino in sosta, su comoda cengia, presso una nicchietta gialla ed un grottino (35 metri, VI/VI+/VII, 6 chiodi).
11)  Spostandosi di poco verso sx, superare un breve strapiombino ed entrare poi nell’evidente diedro soprastante che, con bella arrampicata, conduce in sosta (20 metri, VI/V, 2 chiodi ed un cordino in clessidra).
12)  Superare lo strapiombino sopra la sosta e proseguire lungo l’atletico diedro sino sotto ad un tetto che va superato traversando in placca verso dx. Raggiunta una zona più facile, si prosegue in direzione di un breve diedrino, al termine del quale, presso un grande spuntone, si trova la sosta. Alla base dello spuntone, libretto di via in un contenitore metallico (45 metri, VI+/IV+/V, 4 chiodi e un cordino in clessidra).
13)  In breve si raggiunge una piccola conca ghiaiosa e, dopo un breve risalto verticale, si raggiunge la comoda sosta su cengetta, dove sale anche la via Delago (20 metri, III, nessun chiodo).
14)  Salire a dx (lasciare sulla sx il camino della via Delago) lungo lo spigoletto della cuspide dell’evidente piccolo pilastro staccato, sino al suo termine (15 metri, V, nessun chiodo)

     

DISCESA: Si scende in doppia lungo la via di salita, su ancoraggi molto ben attrezzati, saltando le soste n° 13 - 9 - 8 - 1. Necessarie corde da 60 metri.

Giovedì, 10 Settembre 2020 16:11

L'intenso we del MEETING "VALGRANDE IN VERTICALE 2020" (5 e 6 settembre)

 

di Luca Enrico (CAAI Gruppo Occidentale)

IMG 20200907 WA0000E via subito sul granito di Sea (foto Luca Enrico) IMG 20200905 120007Aperte le iscrizioni! (foto Luca Enrico)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vi ricordate quelle feste pagane dell’antichità? Quando l’uomo festeggiava la fine o l’inizio di qualcosa? poteva essere il raccolto o un passaggio stagionale, un modo per segnare un cambio meteorologico con la scusa di ingraziarsi gli dei e i fenomeni atmosferici.

Il raduno Val Grande in Verticale per certi versi ricorda quegli antichi riti, se ci pensate è sempre fatto alla fine della prima settimana di settembre, quando ormai le vacanze estive dei più sono terminate e quando le ombre ormai lunghe ci ricordano che l’estate, quella vera del solleone, della luce abbacinante del nostro astro allo zenit, è ormai solo più un ricordo. L’estate sta scivolando via e l’atmosfera, i colori, lo stormire delle foglie cambia seppur ancora impercettibilmente da quello che era pochi giorni addietro.

 

 Il raduno cade lì, proprio lì ed è una grande festa che quando finisce porta con sé la velata malinconia di un’altra estate che se n’è andata, con i suoi progetti e le sue realizzazioni. Chiude un periodo dell’anno, un periodo della nostra vita, ricordandoci che un’altra estate arriverà ma che bisognerà pazientare un anno intero.

2020 09 05 ValloneSea MisteriFisica 1Prime luci del mattino dall'imbocco di Sea (foto Pietro Bianchi)

 

IMG 20200905 WA0008Prove di arrampicata nel Vallone di Sea (foto Luca Enrico)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Salendo sulla stradina di Sea, diretto verso il masso della “prova scalata” per bambini, la mia attenzione è stata richiamata dal fruscio delle foglie, allora ho alzato lo sguardo e osservando la luce sulle pareti e sugli enormi blocchi della grande pietraia ho avuto proprio quella sensazione: che qualcosa era diverso, cambiato da pochi giorni prima. Quelle rocce mi hanno mostrato come impercettibilmente ma inesorabilmente si stiano preparando all’inverno. Il raduno segna questo passaggio.

Un raduno che ormai è un appuntamento fisso, immancabile, lo è stato anche quest’anno in quest’era travagliata e incerta, eppure Sea è riuscita a sconfiggere anche il morbo della pandemia, primitiva ed immutabile ha richiamato a sé una gran moltitudine di arrampicatori ed escursionisti, accogliendoli nel suo regno scarno, essenziale ma incontaminato. Non era così scontato prevedere un siffatto afflusso di gente, eppure è avvenuto. Forse perché inconsapevolmente ci portiamo dentro il ricordo di quelle antiche feste pagane, ne abbiamo bisogno.

IMG 20200905 085732Il gazebo delle registrazioni all'inizio del Vallone di Sea (foto Luca Enrico)

 

20200905 162921 Copia di NXPowerLiteRampini porta il saluto del CAAI al meeting e alla presentazione della nuova guida di Marco Blatto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I numeri contano ma conta soprattutto l’atmosfera che si è creata. Sono transitate circa 250 persone che, in alcuni casi, hanno letteralmente riempito e preso d’assalto alcune pareti. Da quelle di Sea alla Paretina di Forno a Rociruta.

I bambini si sono presentati a decine, sia ai massi di Cantoira che a Forno Alpi Graie, per provare l’ebbrezza della loro prima scalata, seguiti ed edotti dai pazienti e preparati istruttori delle scuole Lavesi e Ribaldone. E forse i loro genitori erano persino più euforici ancora nel vederli cimentarsi su quelle placche, cercando un appoggio sicuro per un piede o un appiglio per le loro piccole dita.

Se gli adulti più esperti hanno potuto scegliersi in completa autonomia la via e la scalata più consona alle loro caratteristiche, quelli meno esperti hanno potuto avvalersi degli insegnamenti trasmessi nel corso di “arrampicata trad” della scuola Gervasutti del CAI Torino. Le richieste sono state tante e da ogni dove, ad indicare che Sea e la Val Grande non sono più quelle lande semisconosciute di qualche anno fa, quando solo pochissimi appassionati ed estimatori ancora cercavano di rivivere le gesta dei grandi del passato, da Manera a Meneghin e soprattutto Grassi che in queste valli sognò ed esplorò, lasciandoci un patrimonio di itinerari davvero unico.

IMG 20200905 213336Matteo Enrico presenta la serata di Siegfried Stohr (foto Luca Enrico)

 

IMG 20200906 093237I partecipanti al meeting animano la Valle (foto Luca Enrico)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pareti ed arrampicata, ma la montagna ha pure una sua dimensione meno drasticamente verticale, meno brutale e impattante, la montagna è anche quella dei sentieri, della riscoperta degli antichi itinerari percorsi non da famosi alpinisti ma da anonimi quanto tenaci pastori e montanari che seppero erigere incredibili opere edili, spostando enormi lose e pesanti blocchi squadrati. L’escursione al Col di Fea, organizzata dalle sezioni CAI Uget, Venaria e Lanzo, ha condotto i partecipanti su pascoli un tempo fecondi e rigogliosi, attraverso un sentiero dai colpi d’occhio spettacolari e recentemente, anche se non ancora integralmente, ritracciato dai volontari proprio in vista della manifestazione. E se non tutti sono riusciti a giungere fino al colle poco importa, chi si è fermato ha potuto lo stesso rimirare gli antichi gias, gli alpeggi in pietra disseminati sulla montagna, guardando da lontano ciò che rimane di ghiacciai un tempo estesi.

Il cambiamento climatico sta portando alla scomparsa delle nevi perenni mutando non solo il paesaggio alpino ma anche gli itinerari alpinistici. Il tema è stato affrontato sabato pomeriggio, nella meravigliosa cornice del giardino dello storico Albergo Savoia, durante la presentazione del nuovo libro di Marco Blatto intitolato “Valli di Lanzo”, erede della vecchia “guidina grigia” del CAI-TCI. Ne ha parlato l’autore insieme agli ospiti: Lino Fornelli, autore proprio della vecchia guida, Matteo Enrico e Andrea Bosticco. Una bella introduzione è stata fatta dal presidente Alberto Rampini che ha ricordato come il Club Alpino Accademico Italiano abbia da sempre creduto ed appoggiato i raduni Val Grande in Verticale, quasi una sorta di laboratorio, nel panorama italiano, per la promozione di un certo tipo di montagna.

IMG 20200906 171622Un momento delle premiazioni della giornata di domenica (foto Luca Enrico)

 

DSC04170 Copia di NXPowerLiteArrampicata al Bec di Roci Ruta (foto Alberto Rampini)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 E gli intenti del Gruppo Valli di Lanzo in Verticale, formato dalle sezione CAI di Lanzo, Venaria, Uget e Torino e proprio dal Club Alpino Accademico Italiano, sono proprio quelli di far rivivere pareti e sentieri invogliando gli appassionati a frequentare queste valli che meritano di essere visitate da un turismo meno becero e mordi e fuggi che troppe volte, purtroppo, vediamo nelle domeniche estive. Il raduno pertanto non è solamente una grande festa fine a se stessa ma è un modo per rivitalizzare la montagna e ogni partecipante in più rappresenta un piccolo ma indispensabile tassello per poter fare un bollo bianco e rosso o piazzare uno spit inox. Lo sforzo di questi anni sta proprio qui, nel cercare di infondere questa consapevolezza e grandi passi sono stati fatti dalla prima edizione che fu quasi una scommessa, un raduno molto “casalingo” che resta però il fondamento di ciò che è venuto dopo.

Accanto alle classiche attività montane ne esistono anche altre. Purtroppo quest’anno non è stato possibile organizzare la corsa al rifugio Daviso ma è stata introdotta una novità che ha destato molta curiosità ed ammirazione. Grazie agli amici dell’associazione “Torino sul filo” è stata portata in valle un’attività di montagna meno convenzionale: la slack line. Chi non ha mai ammirato a bocca aperta gli acrobati del circo? Ebbene in queste due giornate è stato possibile assistere allo spettacolo di questi ragazzi che si dilettano a camminare sulla slack line, una sorta di fettuccia posizionata su grandi vuoti. Ma è stato pure possibile provare a camminarci sopra a pochi centimetri da terra, su linee dimostrative posizionate nel giardino del Savoia e che hanno fatto felici grandi e piccoli.

Da non dimenticare, dopo la cena conviviale di sabato presso lo storico ristorante Cesarin di Breno, la serata con il brillantissimo Siegfried Stohr, già pilota di Formula 1 e poi alpinista ed amico di Grassi e Meneghin con i quali aprì diverse vie proprio nel Vallone di Sea. A Cantoira ci ha parlato di automobilismo e montagna, in un parallelo sui pericoli che corre un pilota e quelli che corre un alpinista. In fondo, a ben pensarci, le due attività hanno molte similitudini, da una parte bisogna arrivare a tagliare un traguardo e dall’altro bisogna arrivare in vetta a una montagna. Due cose di per sé forse inutili ma immensamente belle ed affascinanti.

DSC04222 REDLinee ideali al Tempio di Osiride (foto Alberto Rampini)

 

IMG 20200907 WA0004Ruvide placche al Bec di Roci Ruta (foto Luca Enrico)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Se le antiche feste pagane terminavano con balli e magari sacrifici, nella nostra uomini ed animali non hanno avuto nulla da temere, anzi sono stati più che soddisfatti dopo la distribuzione di ricchi premi e gadget ancora una volta nel giardino del Savoia. Qualcuno è stato più fortunato, qualcun altro meno, qualcuno ha ricevuto in dono articolo tecnici e di abbigliamento mentre qualcun altro ha ricevuto ottimi prodotti mangerecci locali. Ma tutti sono stati contenti. La festa ha avuto la sua degna conclusione.

E così anche quest’anno il primo pensiero dopo la fine è già al prossimo, al 2021. Il successo impone quasi di proseguire in questa bella iniziativa che vive, bisogna riconoscerlo, anche grazie ai tanti sponsor che la supportano. Sponsor noti e meno noti ma tutti indispensabili per soddisfare tutti.

Non resta allora che dire: al prossimo anno!!

07/09/2020

Enrico Matteo e LucaMatteo e Luca Enrico, instancabili animatori del Meeting

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DSC04232 RED 1Puro stile trad al Trono di Osiride (foto Alberto Rampini)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Venerdì, 28 Agosto 2020 11:14

MEETING VALLI DI LANZO 2020

Sabato 5 e Domenica 6 Settembre 2020

Un appuntamento da non perdere per gli amanti dell’arrampicata trad e non trad

Martedì, 28 Luglio 2020 19:04

E’ sotto gli occhi di tutti che il filone oggi di gran lunga prevalente nell’editoria di montagna è quello delle pubblicazioni “utili”, cioè essenzialmente guide nei vari settori, dall’arrampicata alla mountain bike, dall’escursionismo alle ferrate ecc. Tramontata l’era delle guide sistematiche, oggi i titoli evocano in modo accattivante i criteri della selezione, condizionando così il mondo dei fruitori, inconsapevolmente limitati nella loro possibilità di scelta ed indirizzati verso obiettivi standardizzati. 

Filone secondario è quello della narrativa o saggistica che trae spunto normalmente dalle vicende di attualità o tornate di attualità.

Anche l’editoria di montagna, quella della carta stampata, oggi più che mai assediata dal web, non può che seguire le regole del mercato: produrre quello che presumibilmente incontrerà il gradimento del pubblico e quindi venderà copie sufficienti a coprire le spese e assicurare un utile.

Il CAAI, come associazione senza fine di lucro, si inserisce nell’editoria di montagna in modo del tutto particolare, marginale se vogliamo, ma con caratteri identitari ben definiti, originali e mirati alla diffusione della cultura dell’alpinismo, prescindendo da qualsivoglia obiettivo di carattere commerciale.

Pubblichiamo approfondimenti storici e opere spesso inedite per il pubblico di lingua italiana, tasselli importanti per arricchire la conoscenza della storia dell’alpinismo e, con la conoscenza, il rispetto. Un ringraziamento particolare va al past president Giovanni Rossi che, assieme a Claudio Ramella, ha curato molte di queste pubblicazioni

Di seguito le opere della collana "Quaderni del CAAI" ancora disponibili per gli appassionati, che possono essere richieste direttamente alla Redazione scrivendo all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L’attività editoriale del CAAI, oltre ai volumi sotto elencati, comprende anche “L’ANNUARIO CAAI” disponibile presso il distributore ufficiale https://www.ideamontagna.it/librimontagna/catalogolibrimontagna.asp?col=Accademico

 A cura di Alberto Rampini

01 BRENVA di Thomas Graham Brown

 

 

BRENVA

di Thomas Graham Brown 

 

Giovanni Rossi e Claudio Ramella traducono per la prima volta in italiano l’appassionante storia dell’esplorazione del versante Brenva del Monte Bianco, scritta nel 1944 da uno dei protagonisti, Thomas G. Brown

 

pdfSommario del volume BRENVA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

02 SULLE ALTE CIME di Geoffrey Winthrop Young

 

 

SULLE ALTE CIME

di Geoffrey Winthrop Young

 

Ancora Giovanni Rossi e Claudio Ramella traducono per la prima volta in italiano un’opera fondamentale sulla fase pioneristica della scoperta delle Alpi

 

pdfSommario del volume SULLE ALTE CIME

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

03 PRIME DI PRIMA

 

 

 

 

 PRIME DI PRIMA

Autori Vari 

Gli infaticabili Giovanni Rossi e Claudio Ramella riuniscono in questo volume i testi originari, spesso in prima traduzione italiana, scritti dai protagonisti di alcune delle più significative ascensioni del periodo 1882-1939

 

pdfSommario del volume PRIME DI PRIMA

 pdfLa prima ascensione del Dente del Gigante

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

04 MONTAGNE CON UNA DIFFERENZA di Geoffrey Winthrop Young

 

 

 

MONTAGNE CON UNA DIFFERENZA

di Geoffrey Winthrop Young

 

Tradotta per le prima volta in italiano da Giovanni Rossi, l’ultima opera del grande alpinista-letterato-sognatore G.W. Young affronta da un punto di vista molto particolare il tema del rapporto uomo-montagna

 

pdfSommario del volume MONTAGNE CON UNA DIFFERENZA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

05 K2 CHOGORI

 

 

 

 

K2 - CHOGORI

 

Raccolta di testi originali sui tentativi al K2 e sulla prima ascensione

 

pdfSommario del volume K2 - CHOGORI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

06 AL KANGCHENJUNGA di Paul Bauer

 

 

AL KANGCHENJUNGA

di Paul Bauer

Le spedizioni tedesche del 1929 e 1931 al Kangchenjunga sono considerate una pietra miliare nello sviluppo dell’esplorazione alpinistica dell’Himalaya. Giovanni Rossi traduce per la prima volta in italiano il resoconto del capospedizione Paul Bauer

 

pdfSommario del volume AL KANGCHENJUNGA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Oltre ai volumi sopra riportati risulta ancora disponibile anche 150 VETTE, le più belle vette d'Italia salite dai soci del CAI e del CAAI nell'anno del 150° di fondazione dell'associazione.

pdf150 VETTE

 

 P1060924Il versante Brenva del Monte Bianco

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Social

Sede

Club Alpino Accedemico Italiano
Via E. Petrella, 19 - 20124 Milano
P. Iva 09069800960
clubalpinoaccademicoitaliano@gmail.com