News

Club Alpino Accademico Italiano

XI CONGRESSO ISTRUTTORI NAZIONALI CAI

Martedì, 29 Ottobre 2019 15:58

Istruttori Nazionali: quale futuro?

Questo il tema sviluppato nella relazione di Paolo Taroni, Presidente uscente della CNSASA – Commissione Nazionale Scuole di Alpinismo, Scialpinismo, Arrampicata Libera e Sciescursionismo del CAI in occasione dell’XI CONGRESSO degli ISTRUTTORI NAZIONALI tenuto a CastelBrando di Cison di Valmarino sabato 26 e domenica 27 ottobre nella splendida cornice di CastelBrando.

20191027 101622Presente la Vicepresidentessa Generale del CAI Lorella Franceschini (al centro)

20191027 101448Maurizio Giordani svolge la sua relazione

 

Il presidente Taroni nel compiacersi dell’intensa attività formativa messa in campo dalle Scuole di Alpinismo, Sci Alpinismo, Sci Escursionismo e Arrampicata Libera nel triennio appena concluso non ha potuto non rimarcare “l’invecchiamento” del corpo istruttori interrogandosi sui motivi che rendono oggi meno appetibile per i giovani l’attività di istruttore e formulando ipotesi per fronteggiare questa situazione, peraltro comune a tutte le forme di volontariato.

20191027 102417Interviene Giuliano Bressan

20191027 105427Luciano Gilardoni

 

Dopo un ampio dibattito sull’argomento, è seguita la proiezione del film “Sutt’u picu ru suli” - 100 anni di storia alpinistica della Sicilia, presentato da Fabrizio Antonioli in rappresentanza della Scuola di Alpinismo “Costantino Bonomo” di Palermo. Il film, che affresca magistralmente con spontaneità e forte trasporto emotivo l’evoluzione dell’arrampicata nell’isola, partecipa al Filmfestival di Trento.

20191027 135333Il presidente Rampini si complimenta con Paolo Taroni

20191027 102822Fabrizio Antonioli

 

Nella giornata di domenica il Presidente CAAI Alberto Rampini ha portato il saluto dell’Accademico, testimoniando l’elevato standard qualitativo e la validità complessiva della proposta formativa della CNSASA, ricordando che la collaborazione sempre proficua tra Accademico e Scuole del CAI affonda le sue radici nella storia e viene confermata anche nel presente con l’opera di numerosi colleghi.

Segue la relazione di Maurizio Giordani, Accademico e Guida Alpina, su “Evoluzione e trasformazione dell’alpinismo dal recente passato ad oggi”. Nell’intervento, animato da grande passione e supportato anche da considerazioni derivanti dall’esperienza personale ai massimi livelli, si giunge ad un’importante conclusione. L’alpinismo di avventura e di scoperta potrà tornare ad avere un futuro anche grazie all’impegno delle Scuole di Alpinismo nel proporre attività formative fortemente connotate in questo senso, riportando in primo piano la passione e l’amore per la montagna e il suo ambiente, mettendo in secondo piano l’aspetto tecnicistico e “sportivo” e la difficoltà.

Rampini interviene sostenendo che ci deve essere una netta separazione concettuale e didattica tra attività di arrampicata sportiva e alpinismo, due espressioni ugualmente valide e importanti ma estremamente diverse, per cui oggi vi è più che mai la necessità di salvaguardare l’approccio mentale, culturale e di proposte dell’alpinismo, evitando che i Corsi di Alpinismo facciano propri approcci, mentalità e programmi derivati dall’arrampicata.

Intervengono i soci Accademici Giuliano Bressan e Luciano Gilardoni che con ulteriori argomentazioni si allineano alle considerazioni sviluppate negli interventi precedenti.

Anche i successivi interventi di Maurizio Dalla Libera e Andrea Farneti concordano sul fatto che la passione deve essere alla base della motivazione ad insegnare e il fondamento primo verso il quale indirizzare gli sforzi formativi.

20191027 103118Maurizio Dalla Libera

 

20191027 123200Fabrizio Pietrosanti

         

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Direttori di Scuole e Istruttori intervengono nel dibattito apportando preziose esperienze vissute sul campo.

“Il CAI e l’arrampicata in età evolutiva” è l’argomento trattato Fabrizio Pietrosanti nella relazione successiva, che illustra l’esperienza sperimentale portata avanti dalla Scuola “Rosa dei Venti” di Tagliacozzo (AQ).

Si passa poi ad argomenti di carattere tecnico-amministrativo con Renato Veronesi che illustra le caratteristiche del nuovo portale del CAI e le sue ricadute positive nell’interazione con Scuole ed Istruttori.

 

TaroniPaolo Taroni presidente uscente della CNSASA

 

                      FiorettiEdoardo Fioretti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Congresso viene chiuso dalla Vice Presidentessa Generale del CAI Lorella Franceschini che apprezza le idee ed i suggerimenti emersi dagli interventi e dal dibattito e assicura l’interesse e l’impegno continuo del CAI per rendere la struttura formativa delle Scuole sempre più adeguata e il livello degli istruttori sempre più elevato, senza mai dimenticare che fare scuola di alpinismo significa anche fare cultura e instillare passione.

20191027 140040Lorella Franceschini interviene a chiusura del Congresso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La massiccia presenza degli istruttori e una appassionata partecipazione ai lavori congressuali testimoniano la vitalità delle Scuole del CAI e premiano il grande sforzo organizzativo delle Sezioni e Scuole ospitanti sotto il coordinamento di Edoardo Fioretti: Sezione di Conegliano e Sottosezione di San Polo di Piave, Sezione “Velio Soldan” di Pieve di Soligo, Sezione di Vittorio Veneto, Scuola di Sci Alpinismo “Monte Messer”, Scuola di Alpinismo “Le Maisandre” , Scuola di Alpinismo “Vittorio Veneto”. 

Nei due giorni del Congresso si sono riunite le Scuole Centrali e la Commissione Nazionale Scuole ed è stato presentato in anteprima il volume sulla Storia della Scuola Centrale di Alpinismo, importante contributo storico curato dagli Accademici Giuliano Bressan e Gianmaria Mandelli.

20191026 144727

 Scuola CentraleLa Scuola Centrale di Alpinismo Sci Alpinismo e Arrampicata Libera

 

 

 

 

 

 

 

 

 

740

Social

Sede

Club Alpino Accedemico Italiano
Via E. Petrella, 19 - 20124 Milano
P. Iva 09069800960
clubalpinoaccademicoitaliano@gmail.com