News

Club Alpino Accademico Italiano

Il sogno di “Simo”: racconto di un’amicizia e di una prima ripetizione

Sabato, 28 Novembre 2020 18:19

Ancora una volta partiamo da Forlì in direzione delle Dolomiti. Come spesso accade siamo già a Longarone e non abbiamo deciso dove andremo a scalare. Simone ed io, un mio ex studente che ho avuto il piacere di conoscere prima in classe e poi di ri-conoscere come scalatore, decidiamo di dirigerci a Santa Fosca in Val Fiorentina, per “raccattare” Fabrizio Grimandi, amico comune con il quale condividiamo allenamenti e sogni durante l’inverno.

DSC01678 001

 

 Ceniamo e chiacchieriamo ma alle 9:30 non abbiamo ancora deciso quale parete salire: unica cosa certa è che andremo a sud, le temperature sono calate bruscamente e a nord sarebbe troppo freddo. Simone ha letto su “PlanetMountain” che sul Pomagagnon delle guide di Cortina hanno aperto una nuova via: 900m, VII+ e roccia ottima: combinazione perfetta! Gli piacerebbe farne la prima ripetizione, e a noi l’idea piace. Ci dirigiamo così ad Ospitale (piccola frazione sopra Cortina) per lasciare una macchina (in quanto la discesa dalla via avviene sul versante opposto del Pomagagnon) e poi ritorniamo a Cortina vicino all’Ospedale. Prepariamo il materiale, piantiamo la tenda e ci mettiamo a letto. La notte passa come sempre troppo in fretta e ci sveglia che ancora vorremmo sognare.  Facciamo una breve colazione, chiudiamo la tenda e ci incamminiamo veloci fino all’attacco della via.

 

 

SDSC01691 001caliamo velocemente i primi facili tiri (dove occorre non sbagliare percorso per non finire su roccia pessima) e arriviamo alle prime lunghezze di corda difficili. Le superiamo agevolmente e, tiro dopo tiro, ci meravigliamo di quanto in questa parete, famosa per la roccia poco bella, tre giovani guide alpine siano riuscite a scovare una bella linea su roccia solida. Il morale è alto e, scherzando e ridendo, continuiamo a salire fino agli ultimi tiri difficili, che superiamo velocemente. Davvero una bella linea e davvero bravi gli apritori. Trovare un percorso con roccia ottima e difficoltà tutto sommato contenute è stata una bella intuizione.

Alle 16:00 circa siamo alla fine della penultima lunghezza, dove c’è il libro di via. Fabrizio e io lasciamo a Simone l’onore di aprirlo. “Simo” lo apre e, con grande stupore, siamo i primi ripetitori: “il sogno di Simo” si è avverato, e tutti noi siamo euforici! Saliamo in cima e in fretta ritorniamo all’Ospitale, perché tra poco si avvererà anche il secondo sogno: una bella pizza con una birra fresca!

 

DSC01695 001

 

DSC01707 001

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DSC01709 001

DSC01714 001

 

IMG 20200720 WA0010 01

Ceniamo, salutiamo Fabri (che per fortuna sua può restare in montagna) e ci dirigiamo di nuovo verso la pianura e la Romagna. Un avanti e indietro che mi accompagna per tutta l’estate: infatti, Francesco Piacenza, mio “fratello di Ancona” mi ha già inviato un messaggio, “prossimi giorni il tempo è bello, andiamo in Dolomiti?”.

Samuele Mazzolini (C.A.A.I.)   http://www.samuelemazzolini.altervista.org/  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  DSC01722 001

 Screenshot 20200720 081515 01

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

20200719 062406 HDR 01

  

137

Social

Sede

Club Alpino Accedemico Italiano
Via E. Petrella, 19 - 20124 Milano
P. Iva 09069800960
clubalpinoaccademicoitaliano@gmail.com