Press

Club Alpino Accademico Italiano

Convegno CAAI: apritori a confronto al Forte di Bard

Giovedì, 18 Febbraio 2016 00:30
E. Svab su Rivoluzione al Caporal E. Svab su Rivoluzione al Caporal Archivio R. Larcher

 

Da Planetmountain

Convegno CAAI: apritori a confronto al Forte di Bard

02.10.2007 di PlanetMountain

                       

Il 6 ottobre il CAAI (Club Alpino Accademico Italiano) organizza al Forte di Bard (AO) il Convegno Nazionale, mettendo a confronto grandi nomi dell’alpinismo sull’etica delle aperture in montagna.

“Impossibile by fair means”, diceva il biglietto lasciato dal grande Mummery e dalla guida forse più famosa dell’epoca, Alexander Burgener, alla base delle inscalabili rocce del Dente del Gigante sul Monte Bianco. Sappiamo com’è andata, pioli nella roccia e scale hanno avuto ragione dell’impossibile e la storia ha consegnato Sella e compagni come primi salitori del Dente. Chi ha avuto ragione?Non saremo noi i giudici, ma a partire da quel fatto, l’etica di apertura di una via è entrato come argomento nelle discussioni degli alpinisti. Il tema, in verità, non è mai passato di moda, anzi è particolarmente attuale e caldo in seguito alle aperture con protezioni fisse, i famigerati spit. 

 

bard2


Tecnicamente si parla di aperture dal basso, di obbligatorio, di rischio di caduta ecc. tutti concetti nuovi e a totale discrezione dell’apritore. Non esistono regole conclamate tanto che una via a spit per alcuni deve essere sinonimo di sicurezza, per altri di protezione minima, anche con pericolo di caduta mortale.

 

bard5

Nella straordinaria cornice del Forte di Bard, concesso grazie al Patrocino della Presidenza della Regione Valle D’Aosta, si svolgerà il Convegno Nazionale del Club Alpino Accademico Italiano che vedrà protagonisti alcuni dei massimi esponenti dell’alpinismo contemporaneo e del passato, sul tema delle aperture in montagna su tutti i terreni.Il convegno non ha la pretesa di porre delle regole, ma l’obiettivo del CAAI è quello di aprire pubblicamente il dibattito attraverso la testimonianza diretta dei protagonisti . I nomi sono tra i più prestigiosi, arriverà eccezionalmente da Parigi, visto i novant’anni suonati, Guido Magnone, gloria dell’alpinismo francese che ancora oggi rivendica le sue origini italiane e torinesi . 
Il Curriculum di Magnone è straordinario, citiamo solo la prima salita del Fitz Roy, considerata allora la montagna più difficile del mondo. Eppure anch’egli, in occasione della scalata della sua parete Ovest del Petit Dru, fu criticato per il metodo utilizzato.Tra gli ospiti interverranno grandi personaggi che hanno scritto pagine indimenticabili come
Alessandro Gogna, ed emergenti che esplorano nuovi terreni come Fabio Palma
Sentiremo ovviamente gli interventi degli Accademici che hanno nel loro DNA l’apertura di vie nuove, molte, se non la maggior parte di quelle che ripetiamo sulle nostre Alpi, sono opera di soci del CAAI. Tra gli altri, in prima persona interverranno 
Rolando LarcherNando Nusdeo,Manrico Dell’AgnolaUgo ManeraErik Svab.

 

bard4

 

 

 

Si ringrazia Grivel e il Forte di Bard per il contributo.

600