CAAI

Club Alpino Accademico Italiano

13 apr 2013 - Gruppo Occidentale - Assemblea

Giovedì, 22 Ottobre 2015 20:21

VERBALE DELL’ASSEMBLEA

Sono presenti 26 Soci:  A. Antola, GL. Cavalli, P. Crivellaro, L. Enrico, M. Enrico, M Ghirardi, A. Giorda, M. Giuliberti, G. Griva, F Locatelli, F. Martinaglia, A. Mellano, E Montagna, E. Mosca, G Pagnoncelli, L. Peirano, M. Penasa, P.L. Perona, L., E Pessiva, C. Picco, C Pinelli, D Rabbi, C. Sant’Unione, V. Sartore,

Scusano l’assenza:  L Brunati, F Carbonero, M Conti, S Deleo, M Faganello, G Ghiglione, M. Oviglia, M Piras, F Ribetti, AL Rochat, M Sanguineti, R Sartore, F Scotto, U valocchi.

Dopo aver ringraziato i Soci presenti il presidente comunica ai soci che il past president Corradino Rabbi sarà proclamato socio onorario del CAI alla prossima assemblea dei delegati a Torino il 5 maggio. I presenti applaudono calorosamente e ringraziano Dino, veramente commosso, per l’impegno e per il lavoro svolto per il CAAI.

1)      Approvazione verbale seduta precedente

        Viene approvato all’unanimità

2)      Comunicazioni del Presidente

–     Clean climbing: viene rilanciata l’iniziativa con una locandina, un video (da inviare a tutti i soci) e con l’impegno a diffonderla. Picco in maggio farà pervenire ai maggiori siti la documentazione.

Pinelli illustra anche l’attività che MW ha in programma in Pakistan in settembre con l’obiettivo di formare degli istruttori locali. A questa attività il CAAI sarà rappresentato oltre che dallo stesso Pinelli da Barbolini.

–      Premio P Consiglio. Vincitori i fratelli Rigler con una nuova via su una cima inviolata (Kako Peak- Ramadham 1100 mt- 9-A2). Questo modo di assegnare il premio non avrà seguito, mancano le premesse per continuare. Il CG si farà carico di proporre nuove vie, probabilmente indirizzata a giovani alpinisti da mandare a fare esperienza all’estero.

–      Al Kangchendzhonga di Bawer. È il nuovo libro edito da G. Rossi, verrà spedito a breve a tutti i soci e compenserà il vuoto dell’annuario.

–          Appartenenza alla sezione del Cai. Attendiamo una nota chiarificatrice dal CAI che elimini i dubbi sollevati da alcune sezioni sulla possibilità, per i soci delle sezioni nazionali (CAAI, AGAI, CNSA), di poter essere anche soci delle sezioni CAI di appartenenza.

–          Sito CAAI. Piano piano si sta riallineando essendo stato oscurato causa mancato pagamento del dominio. Invito ai soci a segnalare eventuali errori, mancanze o altro.

–          CD su Cozzolino, girato dal regista di altri film documento, Gregorio, verrà inviato a tutti i soci insieme al prossimo annuario.

–           Patrocinio del CAAI al monumento che verrà eretto a Lecco per Cassin

–          CAI UGET. La sezione ha invitato CAAI, in occasione delle attività per il centenario, ha tenere delle serate sulla storia dell’alpinismo torinese, sull’alpinismo attuale e sulle sue nuove tendenze. Accettano di coprire le serate M Sanguineti (9 maggio), D Rabbi e A Mellano (6 giugno), A Giorda (20 giugno) e U Manera (26 giugno).

–          Collana GMI. Il CG del CAI, tramite la commissione pubblicazioni ha chiesto a CAAI la collaborazione per la nascita di una nuova collana di guide che dovrebbero raccogliere, per i vari gruppi montuosi, le vie ‘trad’ in sostituzione delle gloriose GMI che saranno abbandonate. Picco illustra il pensiero emerso in merito all’assunzione da parte di CAAI di una definizione di vie trad, se ne parlerà nella riunione di giugno, ma dagli scambi avuti con i colleghi fin da ora auspica che il CAAI emetta un documento che chiarisca la sua visione del fenomeno trad. L’assemblea dopo lunga discussione, illuminata da molte precisazioni in merito alla decisione di sopprimere GMI da Crivellaro, esprime ferma contrarietà a questa operazione. Attualmente GMI è la miglior pubblicazione del CAI e la sua perdita lascerebbe un vuoto incolmabile. Al termine della discussione si da incarico a Picco di esprimere, tramite la presidenza generale, questo dissenso del gruppo alla direzione del CAI.

3)      Presentazione dei nuovi Soci

–    L’Assemblea si congratula con il nuovo Socio Giovanni Pagnoncelli. Come ratificato nella riunione del C.G. a Milano del 23 Marzo 2013. Insieme al nostro socio sono entrati nell’Accademico Lamo Francesco, Pastorello Cristiano e Zaleri Stefano soci del gruppo Orientale e Arosio Tito socio del centrale.

4)      Relazione  economica

–   Viene presentato il bilancio, approvato all’unanimità.

5)      Progetto 150 cime

–  Dopo aver illustrato le vicissitudini organizzative del progetto e l’attuale tardivo coinvolgimento degli organi istituzionali del CAI comunica che l’accademico si è preso l’impegno di organizzare alcune gite e definire i responsabili di vetta: Blinnerhorn – Martinaglia, Becco Meridionale della Ttribolazione – Sartore V., Grivola – Giuliberti, Dolan – Picco, Cusidore – Oviglia. Seguiranno poi chiarimenti su come e cosa organizzare e su che documentazione fornire per il completamento del volume celebrativo dell’evento.

Picco ribadisce che le date devono restare il più possibile quelle indicate da CAI (7 – 14 luglio) e che le vie di salita devono essere quelle previste dalla scheda, salvo diverse valutazioni dei responsabili di vetta dettate da motivazioni di sicurezza o meteo. 

L’assemblea auspica che l’attività venga evidenziata con il dovuto risalto sulla stampa sociale e che sia comunicata a tutti i soci.

Penasa chiede che il CAI dedichi un intero numero della rivista al consuntivo di questa attività.

6)      Convegno 2013

–  Dopo aver ringraziato chi ha collaborato a questa prima fase organizzativa, Giuliberti per la sede del convegno, i fratelli Enrico per i contatti con gli hotel e Giorda per essersi preso in carico il tema del convegno, Picco comunica che il convegno sarà il 26-27 ottobre a Torino nel Palazzo del Valentino (dove il 23/10/1863 fu fondato il CAI). Il tema del convegno sarà su questa traccia:

“I valori dell’alpinismo a 150 anni dalla fondazione del CAI”,

quello esatto sarà proposto dagli organizzatori sulla base delle conferme dei relatori invitati.

Segue un ampio dibattito sul significato della parola –valori- e su come impostare il tema per i relatori. Sentiti vari pareri, Crivellaro, Giuliberti, Giorda ecc, si da mandato a Giorda di preparare la relazione invitando Crivellaro per un intervento storico che apra il tema, alcune  personalità alpinistiche di rilievo (Diemberger?, Mellano, …) che portino la loro personale visione dei valori che hanno ispirato l’attività alpinistica. Resta da definire dove organizzare la cena e l’eventuale logistica per il sabato sera, Picco e Giuliberti se ne faranno carico. La locandina con invito e programma sarà spedita entro giugno mentre verrà preparato un invito informale da mandare immediatamente a tutti i soci CAAI tramite le rispettive segreterie.

7)      Bivacchi

–  Borelli. I lavori saranno fatti solo nel 2014 causa ritardi nella richiesta di contributi alla VdA.

– Ferreri –  Rivero Picco illustra le attività pensate dal comitato promotore (CAAI, GISM, CAI Torino) per pubblicizzare l’evento e per reperire fondi, invitando ancora una volta i presenti a partecipare all’evento del pomeriggio che tratterà il tema.

8)      Annuario

Penasa comunica che i lavori procedono bene e che l’annuario 202-2013 sarà pronto per il convegno.

9)      Commissione Tecnica

–  Scade Sergio Deleo, che ringraziamo, subentra quale membro effettivo Floriano Martinaglia e viene eletto membro supplente Gianluca Cavalli.

10)  Varie

–  Gianluica Cavalli illustra la sua esperienza come partecipante al meeting organizzato dal club alpino israeliano in Wadi Rom sottolineando come anche li sia conosciuto ed apprezzato il meeting della Valle dell’Orco.

Giorda chiede di informarsi se ci sia la possibilità di avere, per distribuire a tutti i soci, il dvd sulla storia di Gervasutti, realizzato da Gregorio.

Alle ore 13, esauriti gli argomenti, l’Assemblea è sciolta e ci si ritrova per il pranzo sociale al ristorante dei Cappuccini.

Alle 15, Blatto per il GISM, Marengo per il CAI Torino, Picco per CAAI e l’architetto Chiara Mondino illustrano le vicende che hanno portato alla nascita del comitato per il tentativo di recupero del vecchio ricovero Ferreri e di cointitolarlo a Rivero. Vengono comunicati i primi interventi che saranno necessari e le date relative. Segue, a cura di Blatto e di Lino Fornelli una ricca ed interessante proiezione sulla storia alpinistica della testata del vallone della Gura, zona dove molti nostri soci accademici hanno lasciato la loro traccia. Alle 17 terminata la proiezione viene chiusa la giornata.

Il  Presidente

Claudio Picco

605