Contributi Storici

Club Alpino Accademico Italiano
Giovedì, 17 Agosto 2017 11:20

 

Vuoi regalare o regalarti un volume da leggere tutto d’un
fiato e magari da meditare?

Finalmente sono disponibili al pubblico gli ANNUARI del Club
Alpino Accademico Italiano.

Le grandi firme dell’alpinismo italiano propongono contenuti
di sicuro interesse storico, con relazioni di nuove ascensioni e report
alpinistici su zone Alpine ed extra europee.

Acquistabili in modo semplice, con spedizione gratuita e veloce dal sito

del nostro distributore IDEA MONTAGNA.

Disponibili anche in confezione regalo.

Al link :

https://www.ideamontagna.it/librimontagna/catalogolibrimontagna.asp?col=Accademico

l’elenco completo dei volumi disponibili, con l’anteprima degli articoli pubblicati.

Giovedì, 10 Agosto 2017 15:53

 

L'art 8 del Regolamento generale del CAI definisce le caratteristiche del SOCIO ONORARIO:

"deve avere acquisito alte benemerenze nella diffusione della conoscenza o nella frequentazione delle montagne o a favore del Club alpino italiano, l’avere cioè svolto una effettiva attività collaborativa, personale e disinteressata, nell’ambito della struttura centrale e di una o più strutture periferiche,e l’aver contribuito con esemplare efficacia alla conoscenza e alla condivisione delle finalità istituzionali del Club alpino italiano".

In allegato l'elenco completo dei soci CAAI che nel tempo sono stati nominati Soci Onorari del CAI.

Con 29 soci, il Club Alpino Accademico è di gran lunga la Sezione che ha maggiormente contribuito a questa categoria speciale di soci CAI.

 

Martedì, 11 Luglio 2017 15:02

 

Ecco le ultime news della spedizione di Luca Schiera, Simone Pedeferri e  Federica Mingolla

alla ricerca delle pareti ideali

 

Kondus, 10 luglio 2017

Siamo arrivati una settimana fa nella Sherpi valley (zona Kondus) e abbiamo fatto un comodo campo base direttamente fuori dall'ultimo paese, poco prima del ghiacciaio. Il primo giorno abbiamo fatto un giro fino alla fine della valle per vedere tutte le pareti e abbiamo trovato varie possibili linee di salita.

G0041751 1499590977546 high 01 resized

 

 

È stato difficile quantificare l'altezza delle montagne dato che nessuno ha
ancora arrampicato lì e non ci sono nomi o quote.

Siamo partiti subito per la prima via, dopo un tentativo fallito causa pioggia.
Abbiamo salito 400m (quota 4000m circa) e ad un terzo di via siamo scesi. La
roccia è completamente diversa da come sembra. Non ci sono fessure nette, ed è
sempre molto sabbiosa.

Dopo questo tentativo ci siamo resi conto che anche le altre vie che avevamo in
mente hanno la stesso problema. Quindi abbiamo deciso di cambiare zona e di
tentare qualcosa all'incrocio tra due grandi valli: una linea più corta di
fessure parallele strapiombanti su roccia grigia. Il risultato è stato lo
stesso. Siamo scesi e abbiamo deciso di cambiare velocemente programma. Ci
siamo divisi ed io insieme all'ufficiale di collegamento siamo tornati a Skardu


per vedere un'altra possibile zona, mentre Simo e Fede stanno guardando le possibilità nella Lachit valley. Domani ci troveremo di nuovo insieme al campo e decideremo cosa fare in base a quello che avremo visto. Abbiamo ancora dieci giorni pieni di arrampicata e siamo sicuri di trovare da qualche parte le pareti che cerchiamo.

 Fotografie della spedizione (c)

GOPR1813 1499590879952 high 01 resized

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

AGGIORNAMENTO dalla spedizione

Siamo tornati a casa dopo poco meno di un mese in
Pakistan. A metà abbiamo cambiato i programmi causa meteo insolito e roccia
brutta, spostandoci dalla Kondus alla Kiris valley
.

Anche in questo caso, incredibilmente, siamo stati i
primi visitatori di questo posto: abbiamo trovato una bella parete di granito
alta 800m e in tre giorni di tempo perfetto abbiamo aperto una via con
difficoltà fino al 7b e A1, a quota 4900m. Subito dopo sono tornate le piogge
monsoniche e abbiamo iniziato a scendere verso valle, prima a piedi poi in due
lunghi giorni in jeep sulla Karakorum Highway fino ad Islamabad dove si è
concluso il nostro viaggio.

https://www.montagna.tv/cms/111330/nuova-via-in-pakistan-per-i-ragni-il-racconto-di-luca-schiera/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Venerdì, 16 Giugno 2017 19:08

La cittadina romagnola di San Leo ha ospitato il Convegno di primavera del Gruppo Orientale sabato e domenica 10/11 giugno.

Sabato si è tenuta l’Assemblea dei soci e il Convegno con il seguente tema: Storia, evoluzione e
sviluppo dell’alpinismo locale anche se lontano dalle grandi pareti.

DSCN9174

 

I relatori Moravio del Gaia, Pierpaolo Mazzotti, Paola Virginia Gigliotti e Samuele Mazzolini hanno messo in evidenza come sia possibile fare dell’alpinismo di alto livello anche in questa area, come sia possibile trapiantare idee e soluzioni praticate nelle Alpi anche su montagne
di modesta altezza e come a volte anche la presenza di un accademico possa essere l’elemento catalizzatore per dar vita a un vero e proprio movimento di alpinisti. Hanno pure evidenziato come sia stato un alpinismo libero e senza rivalità.

DSCN9279

 

 

Nel corso della riunione sono stati presentati i nuovi ammessi 2017 Heinz Grill e Ivo Maistrello.

Il Gruppo si è poi complimentato con il socio Giuliano Bressan, insignito di recente della medaglia d’oro del CAI.

Durante il weekend i partecipanti hanno potuto arrampicare sulle pareti della zona. Gettonata in particolare la Via Maestri/Alimonta alla Rocca di San Leo, espressione di una figura di alpinista estroso e controverso e monumento storico di un periodo dell’alpinismo che ci sembra oggi ben più lontano dell’effettivo mezzo secolo trascorso dall’apertura. Un’esperienza in ogni caso vissuta con interesse dagli amanti della storia dell’alpinismo.

 

 

Martedì, 30 Maggio 2017 21:39

L'Assemblea dei Delegati del CAI riunita a Napoli il 27/28 maggio 2017 ha deliberato la concessione della medaglia d'oro al socio Accademico GIULIANO BRESSAN.

Il Presidente Generale CAAI Alberto Rampini, nella laudatio tenuta all'Assemblea, ha detto tra l'altro:

Ritengo assolutamente adeguato il riconoscimento che ci apprestiamo a consegnare a Giuliano, come attestato di una vita spesa per la montagna e per il CAI e per una attività che ancora oggi porta avanti. E con grande umanità e rispetto per tutti. E sono forse alla fine questi i valori permanenti più importanti che Giuliano ci ha trasmesso.

20170527 163137

 

Il Presidente VINCENZO TORTI consegna il riconoscimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Socio CAI da 44 anni, Socio dell’Accademico da 27 anni, istruttore nazionale di alpinismo da 39
anni.

Dal 1983 al 2013, quindi per 31anni, è stato membro della Scuola Centrale di Alpinismo.

Dal 1999 al 2016, quindi per 18 anni, è stato Presidente del Centro Studi Materiali e Tecniche,
del quale, pur non più presidente, è ancora membro attivo.

 

Salta all’occhio naturalmente la continuità di lunga durata degli incarichi che Giuliano ha via
via assunto nel tempo: un lavoro lungo ed impegnativo, affrontato sempre con il
sorriso sulle labbra.

E’ stato anche volontario del soccorso alpino.

Ma l’impegno principale Giuliano l’ha profuso lavorando nel Laboratorio materiali e alla Torre di Padova, struttura unica in Italia deputata alla sperimentazione e allo studio soprattutto delle prove di
assicurazione e tenuta dinamica delle tecniche e dei materiali. Ma è stato
anche un grande diffusore di conoscenze, portando sempre i risultati degli
studi ai Convegni, alle Scuole e diffondendo così in tutto il mondo alpinistico
le conoscenze più aggiornate sull’efficacia dei sistemi di assicurazione in
arrampicata e su via ferrata.

Sono convinto che non solo Il Centro Studi Materiali e Tecniche, non solo il CAI, non solo il
CAAI, ma anche il mondo alpinistico più in generale non sarebbe oggi al punto
di evoluzione tecnica nel quale si trova senza il lavoro appassionato di Giuliano Bressan e dei suoi collaboratori.

Lunedì, 29 Maggio 2017 22:24

 

 598px assemblea delegati CAI napoli2017 fonte lo scarpone

 

Il Premio Paolo Consiglio è stato assegnato per il 2017 ex-aequo alla spedizione KISHTWAR SHIVLING dei trentini Silvestro e Tomas Franchini, Nicola Binelli e Luca Cornella e alla spedizione RIO TURBIO 2017 dei lombardi Luca Schiera e Paolo Marazzi.

Il Presidente Generale del C AI Vincenzo Torti e il Presidente Generale del CAAI Alberto Rampini hanno consegnato il Premio nel corso dell'Assemblea dei Delegati del CAI il 27 maggio a Napoli. 

Due spedizioni molto diverse ma con alcuni importanti punti in comune: composte da giovani alpinisti, spedizioni leggere e a basso impatto ambientale, luoghi selvaggi e poco frequentati, realizzazioni di pregio alpinistico elevato  e con l'utilizzo minimo di mezzi tradizionali.

KISHTWAR SHIVLING

Nuova ascensione sul Pilastro est del Kishtwar Shivling (5.780 mt, Kashmir Indiano).
Si tratta di una zona remota che ha comportato 7 giorni di avvicinamento e la
salita ha richiesto un duro bivacco e 22 ore effettive di scalata. La via è
stata aperta senza l’utilizzo di spit e sale sfruttando il punto debole della
parete su terreno perlopiù strapiombante, con un dislivello di 800 metri ed uno
sviluppo di quasi 1000 metri. Difficoltà dichiarate VIII A1 M4+

Kishtwar Shivling tracciato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

RIO TURBIO 2017

Obiettivo  della spedizione è stata l’esplorazione alpinistica della valle del rio Turbio,situata in Patagonia a circa 150 km a
sud di Bariloche.  Si tratta in una valle poco esplorata, dove è riuscita la scalata di una big waal di circa 1000 metri, il Cerro Mariposa.
Salita con mezzi tradizionali, terreno inesplorato e linea da disegnare, un'avventura
completa e totale in angolo sperduto dell'America del Sud. Il rientro in kayak
gonfiabili per 80 km sul torrente fino a El Bolsón completa il quadro per
un'avventura vera tutta vissuta in autonomia.

Foto Mariposa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 La motivazione del Riconoscimento recita:

Si ritiene che questi giovani alpinisti, già abbastanza
conosciuti nell’ambiente, con l’esempio di queste spedizioni, possano ispirare altri giovani a vivere l'avventura senza compromessi, in sintonia con uno stile
coniato dai grandi accademici del CAI, valorizzando con il sorriso sulle labbra
un po' scanzonato, tipico dei giovani, quei valori etici e morali del Club Alpino
Accademico, nei quali l'uomo è al centro e con la sua volontà, preparazione,
tenacia e determinazione si spinge fin dove può ai suoi limiti affrontando la
natura selvaggia, accettando i rischi in modo consapevole ma senza compromessi.

20170527 172153

 

 

 

 

Venerdì, 19 Maggio 2017 21:55

Dal 27 luglio al 18 agosto 2017 ogni giovedì a CAVALESE.

Gli Accademici BEPI PELLEGRINON, IVO RABANSER, ALESSANDRO GOGNA E ALESSANDRO BAU si raccontano e raccontano l'alpinismo dolomitico.

Il 10 agosto l'incontro è con PALMA BALDO, che porterà la sua esperienza di "Alpinismo al femminile".

Nell'allegato la locandida della manifestazione.

Giovedì, 18 Maggio 2017 22:45

GUIDO MAGNONE nato a Torino ma vissuto in Francia divenne uno dei più forti alpinisti degli anni Cinquanta. Memorabile la prima salita al Fitz Roy.

Nel 2007 venne nominato socio onorario del CAAI.

Allegato un ricordo di Mauro Penasa (da Annuario CAAI 2012/2013)

http://www.planetmountain.com/it/notizie/eventi/convegno-nazionale-caai-guido-magnone-socio-ad-honerem.html

http://www.montagna.tv/cms/41848/e-morto-guido-magnone-primo-alpinista-in-cima-al-fitz-roy/

http://www.loscarpone.cai.it/news/items/una-vita-tra-arte-e-montagna.html

http://www.angeloelli.it/alpinisti/file/Magnone%20Guido.html

 

Magnone 1guido magnone 95 anos 3Magnone 3

 

 

 

 

 

 

Giovedì, 18 Maggio 2017 20:17

Una bella via di notevole sviluppo adatta anche per l’inverno.

Tracciato di sinistra nella foto. A destra Via Re...Spiro delle Streghe (relazione sul sito).

 

Pubel tracciati

Martedì, 16 Maggio 2017 22:29

“Cose” di quel genere, quando si comincia a
scalare, si fatica a percepirle. E quel tipo di scalata, che nasce direttamente
dalla ricerca di un’avventura, non necessariamente legata al luogo e
all’altezza della parete, ma solo all’incertezza della riuscita e al non
modificare la roccia, non è per niente facile da capire.

di Samuele Mazzolini

http://www.mountainblog.it/redazionale/mind-games-un-piccolo-gioiello-trad-dalla-sabbia-romagnola/

 

 

Venerdì, 12 Maggio 2017 19:21

NIVES MEROI e ROMANO BENET scrivono il loro nome nella storia dell’Alpinismo.

Primati alpinistici ma anche primati umani.    

    

Si legge nel sito di Nives:            

Nives e Romano, compagni di vita e di cordata, arrampicano insieme da oltre 20 anni.

Col tempo il loro amore per la montagna li ha spinti ad esplorare orizzonti sempre più lontani, dove l'aria è rarefatta e, come è solita dire Nives, "dove ogni passo diventa uno sforzo di volontà". Un alpinismo by fair means, con uno stile leggero e pulito: senza l'ausilio di ossigeno supplementare, portatori d'alta quota e campi fissi. Uno stile pulito il loro, un confronto onesto con sè stessi e la montagna.

 

Aggiungiamo, uno stile prettamente accademico, che onora ancora una volta la loro appartenenza ed onora il CAAI che li annovera tra i propri soci.

Più che di una impresa si tratta del coronamento di un percorso di vita.

La stampa ed i siti specializzati danno ampio risalto a questo evento e ne confermano in modo unanime la portata. Ma anche la stampa generalista ne scrive diffusamente e questo ci dà il senso della coralità con la quale l’evento viene seguito, sicuramente anche per aspetti che vanno al di là di quello alpinistico.

Di seguito il link ad alcuni degli articoli più significativi. Vogliamo ancora porre l’accento sulla profonda umanità che emerge da questa storia, con la rinuncia di Nives alla corsa per la prima femminile dei 14 Ottomila nel 2009 per seguire Romano nella sua malattia e la ripresa nel 2012, di nuovo assieme, con grande coraggio del percorso interrotto, fino alla quattordicesima vetta (Annapurna, 11 maggio 2017).

Siete veramente grandi.

 

http://www.planetmountain.com/it/notizie/alpinismo/nives-meroi-e-romano-benet-in-vetta-all-annapurna-il-loro-14-ottomila.html

 

http://www.repubblica.it/sport/vari/2017/05/11/news/nives_meroi_romano_benet_prima_coppia_su_tutti_ottomila-165156761/

 

http://www.corriere.it/cronache/17_maggio_12/nives-romano-coppia-record-4ce08fdc-3683-11e7-94ce-afebf1f6f61a.shtml?refresh_ce-cpù

 

http://www.corriere.it/cronache/17_maggio_11/nives-meroi-romano-benet-prima-coppia-ad-aver-scalato-tutti-14-ottomila-alpinismo-c06394d2-361e-11e7-94ce-afebf1f6f61a.shtml

 

http://www.lastampa.it/2017/05/12/societa/montagna/alpinismo/un-amore-da-metri-nives-e-romano-conquistano-lannapurna-9blu2B62AisnTRmnxYQe8M/pagina.html

 

http://www.ilgazzettino.it/nordest/udine/nives_meroi_e_romano_benet_hanno_raggiunto_vetta_annapurna-2433152.html